Bondeno, il programma del “Celtic Festival”

Il Bundan Celtic Festival compie 12 anni ed è pronto ad accogliere migliaia di persone in riva al Po, nella splendida cornice della Rocca Possente, a Stellata. L’appuntamento è 22 al 24 luglio, con tante novità. Musica tipica irlandese, gruppi da tutta Italia, rievocazioni storiche, enogastronomia, scienza.

L’affluenza si preannuncia da record. “Le strutture alberghiere sono esaurite da settimane”, ha annunciato questa mattina in conferenza stampa, alla Camera di Commercio di Ferrara, Diego Zaniboni, presidente dell’associazione organizzatrice, ‘Teuta Lingones’, mentre il sindaco Fabio Bergamini, e il vicesindaco Simone Saletti, hanno  sottolineato “l’importantissimo e positivo impatto della manifestazione sull’indotto locale”. Alla presentazione ufficiale di questa mattina erano presenti anche il presidente del consiglio comunale Alan Fabbri, il responsabile della rievocazione storica Andrea Moretti e il responsabile marketing e promozione Marcello Micai.

L’ingrediente principe della tre giorni sarà la musica, con 8 concerti. Venerdì 22 luglio attesi i Les Irlandiis, un trio folk specializzato nelle pub songs, e i Cisalpipers, band nata tra l’Emilia e Romagna dalla comune passione per le cornamuse dei propri componenti, nell’occasione è prevista una collaborazione musicale con Massimo Giuntini. Sabato 23 luglio sarà la volta dei Folk Notes (melodie irlandesi, ritmi incalzanti), della band ‘Caffè, Havana, Sambuca e Lambrusco’, gruppo bondenese folk,  e dei The Clan, Irish rock band. Domenica sarà la volta della Micro Irish Band,  quartetto irlandese originario di Venezia e le Uttern, band interamente femminile.

Sabato e domenica, dalle 10, visite guidate nella golena del Po, con una guida – Raffaele Curti – che illustrerà il patrimonio della vegetazione rivierasca.

Per tutta l’area della festa saranno allestiti una ventina di accampamenti di epoca celtica, altri di epoca romana. Sabato pomeriggio docenti illustreranno al pubblico i segreti di armi, costumi e costruzioni tipiche dell’epoca. Spazio anche allo spettacolo storico: oltre 200 i rievocatori che faranno rivivere la battaglia tra Celti e Romani – domenica alle 17.

Completano il quadro degli eventi: un torneo di arco antico e un torneo di scab, antica arte del corpo a corpo (con adeguate protezioni), sabato e domenica. Grazie alla collaborazione del museo archeologico di Stellata, saranno realizzati laboratori per la conoscenza degli antichi insediamenti e stili di vita delle popolazioni locali.

Altri laboratori, realizzati con la collaborazione di Al’Kemia Lab e aperti a tutti, consentiranno agli appassionati di imparare l’arte della modellazione degli antichi monili.

Immancabile l’offerta di prodotti gastronomici del territorio, con tre ristoranti allestiti nell’area feste, uno stand che propone il sidro delle farm inglesi e scozzesi e un altro, che proporrà degustazioni di idromiele, antica ricetta a base di miele fermentato, aggiunto di acqua.

Minimo comune denominatore di tutti gli appuntamenti sarà l’ecologia e l’attenzione all’ambiente. Al Bundan saranno usati posate, piatti, bicchieri interamente compostabili.

Sarà inoltre proposta una tazza in ceramica riutilizzabile al posto dei tradizionali contenitori in plastica. Finito il Bundan, rimarrà ai possessori come ‘souvenir-ricordo’ dell’evento. A chi fuma sarà distribuito un posacenere tascabile, per contenere anche i residui delle sigarette. Un altro gadget che potrà tornare a essere utile nella vita di tutti i giorni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *