BONFIGLIOLI: ecco le avversarie

Ufficializzato il girone, si parte l’8 ottobre. Soddisfatto coach Chimenti

PffDopo il vero e proprio tour de force dello scorso anno, con tante trasferte al sud disagevoli dal punto di vista logistico e pesanti dal lato economico, c’era molta apprensione in casa Bonfiglioli per la composizione dei gironi relativi al prossimo campionato. Fortunatamente l’Assemblea svoltasi a Bologna insieme a Lega e FIP ha portato invece buone nuove al sodalizio biancorosso. La stagione 2016/17 vedrà infatti inserita la Pff Group Ferrara nel girone B di serie A2 insieme alle compagni di Udine, Pordenone, Marghera, Vicenza, Alpo, San Martino dei Lupari, Bologna, Empoli, Civitanova Marche, Santa Marinella, Viterbo, Orvieto e Palermo. Sarà, indubbiamente, un campionato equilibrato e non facile quello che partirà l’8-9 ottobre, ma dove non mancheranno motivi di interesse come le sfide con Vicenza, con il Marghera dell’ex Coach Iurlaro e con Alpo, sulla carta finora le formazioni più temibili insieme a Orvieto, che ha rinunciato alla A1. Anche se il piatto forte della riunione era la composizione dei gironi, diverse sono state le ulteriori novità introdotte: dalle tre promozioni nel massimo campionato, alla modifica della formula della Coppa Italia che diventerà Final Eight e consentirà la partecipazione delle prime quattro in graduatoria, al termine dell’andata, di ogni girone. Questo il parere in merito di Jonata Chimenti, Coach della compagine estense: “Sono contento di questo girone, è molto equilibrato e non vedo favorite. Affronteremo delle trasferte importanti, in termini di distanza, come Palermo, Orvieto e Civitanova. Fortunatamente e considerando che l’anno scorso abbiamo sofferto le distanze, le altre trasferte saranno più vicine. Guardando l’altro girone, soprattutto a livello di roster, le squadre sono più forti e attrezzate ma, anch’esso, è equilibrato. Sono soddisfatto anche della Final Eight: con questa formula a quattro squadre per ogni girone, abbiamo un buon margine per arrivarci. Sarà importante ciò che costruiremo e riusciremo a mettere in cascina ad inizio stagione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *