BONFIGLIOLI: SUCCESSO DEDICATO A CATERINA, DOPO SETTE ANNI LE FERRARESI RIASSAPORANO LA GIOIA DELLA VITTORIA NEL DERBY CON VIGARANO

Miccio_Penetrazione2Il giorno dopo l’impresa nel derby di sabato contro la Vassalli (76-69 dopo un supplementare) è ancora pieno di soddisfazione in casa Pff Group. Da tanti, troppi anni, mancava un’affermazione e, al di là delle qualità indiscusse della formazione di Ravagni, in casa ferrarese si stava insinuando una sorta di complesso di inferiorità che si spera l’affermazione abbia spazzato via. Il successo è poi giunto in una serata perfetta da tanti punti di vista. Ferrara, sin dal riscaldamento (svolto indossando una t-shirt celebrativa) ha dedicato il match a Caterina, la cestista di Mirabello alle prese con una lunga riabilitazione. Bellissimo vedere le tribune cosi piene di pubblico, che è stato caloroso e corretto da ambo le parti. Emozionante la sfilata nell’intervallo delle giovanissime atlete del Minibasket e del gruppo Under 14 della Bonfiglioli. Effettivamente la vittoria in rimonta e all’overtime ha proprio il gusto della ciliegina sulla torta per la società del Presidente Ferranti. Per la squadra e Coach Piatti in primis invece, sono due punti che danno la dimensione del processo di crescita in atto e che stimolano ulteriormente il gruppo biancorosso a proseguire in tal senso. Dopo un inizio scintillante (12-1 al 3’) e il ritorno prepotente di Vigarano (26-37 al 15’), le biancorosse potevano crollare, cosa che non è avvenuta. I lampi di Coraducci nel primo parziale e il contributo delle ferraresi purosangue (come appunto il Capitano Pocaterra e la giovanissima Missanelli), hanno permesso alla Pff Group di rimanere nel match, prima che salisse in cattedra Chiara Mini. Il play bolognese, alla terza stagione all’ombra del Castello, per trenta minuti ha davvero faticato a entrare in partita. Poi, come per incanto, la giocatrice si è sbloccata e la sua energia ha dato la scossa alle compagne. A suon di triple e “zingarate” ha seminato il panico nella retroguardia vigaranese, guidando le compagne anche in difesa. La svolta anche mentale del match è avvenuta quando Laffi, cui è stato comminato il secondo antisportivo della gara, è stata di conseguenza espulsa al secondo minuto del supplementare. Nel momento di massima difficoltà, Miccio e Aleotti (insieme a una decisiva Denti) hanno dato prova del loro valore e piazzato il break di 7-0 che è poi risultato decisivo per il risultato. Ora la Pff Group è seconda in classifica con 10 punti e rimarrà alla finestra per il turno di riposo. Una pausa che giunge propizia per ricaricare le pile a livello mentale e recuperare completamente Gargantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *