Boom di affluenza ai lidi: fine settimana intenso per le forze dell’ordine anche in provincia

Lo scorso fine settimana è stato molto impegnativo per i carabinieri, i quali oltre essere alle prese con il massiccio afflusso di turisti hanno espresso diversi servizi coordinati di controllo del territorio, mirati alla prevenzione e repressione dei reati principalmente connessi all’afflusso turistico, ma anche alla normale vita quotidiana.

Vediamo in particolare cos’è successo nei comuni di Comacchio, Portomaggiore e Cento. I casi in cui sono intervenute le forze dell’ordine:

COMACCHIO:

  •  Nello specifico Comacchio è stata al centro dell’attività e. nel centro cittadino, la titolare di un’affittacamere non avrebbe comunicato i nominativi degli ospiti alla autorità di pubblica sicurezza come previsto dalla legge, non avrebbe nemmeno alcuna autorizzazione all’esercizio dell’attività ricettiva. La titolare, una donna di 54 anni, dopo esser stata denunciata in stato di libertà dalla procura della Repubblica di Ferrara, vedrà anche la propria attività esercitata illegalmente venire sospesa

 

  • Controlli accurati anche nei locali della movida, oltre alle principali vie di comunicazione del litorale, dove sono stati fermati 15 autoveicoli e identificate 57 persone. Nel corso dei servizi coordinati, un uomo in bici è stato sorpreso e denunciato in stato di ebbrezza dopo essere stato coinvolto in un incidente stradale. Altra denuncia, invece, per un 31enne di origine romena, già noto agli uffici di polizia, il quale avrebbe intestati a sè, fittiziamente, 103 autoveicoli, tutti registrati alla motorizzazione con documenti di compravendita simulate.

 

  • Nel pomeriggio di sabato inoltre, i militari sono intervenuti al supermercato “Carrefour” di Porto Garibaldi dove un uomo, ubriaco secondo i carabinieri, avrebbe molestato i clienti dell’esericizio commerciale. All’arrivo dei carabinieri, l’uomo non si sarebbe placato e avrebbe aggredito anche i militari, venendo bloccato, arrestato ed identificato. L’individuo, un 51enne brianzolo già noto agli uffici di polizia, ora si trova agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

 

PORTOMAGGIORE:

  • Sabato scorso, i carabinieri della stazione di Portomaggiore, hanno rintracciato sul territorio portuense un 49enne già noto agli uffici di polizia, al quale notificavano la misura cautelare del divieto di avvicinamento agli anziani genitori. La misura cautelare è stata emessa a tutela dei coniugi, secondo l’autorità giudiziaria da tempo soggetti ai maltrattamenti del figlio, al quale ora verrà impedito di avvicinarsi all’abitazione e ai luoghi frequentati dai genitori.

CENTO:

  • Sempre sabato, un 25enne di origini marocchine senza fissa dimora, dopo essersi denudato, ha bloccato le auto in transito lungo viale Jolanda a Cento e avrebbe ingaggiato discussioni violente con dei cittadini. I militari hanno provato a far tornare alla ragione il ragazzo, secondo i carabinieri in chiaro stato di alterazione psicofisica, venendo però aggrediti con spintoni e calci. Immobilizzato e successivamente arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, una volta accompagnato nella caserma dell’Arma locale, l’arrestato avrebbe perseverato nella condotta violenta, danneggiando degli arredi e compiendo gesti autolesionistici, obiettivo farsi rilasciare. Il ragazzo è stato trasferito nelle camere di sicurezza del comando provinciale di Ferrara dove, dopo le cure del caso prestate dal personale del 118, dove rimarrà a disposizione sino all’udienza di convalida e processo per direttissima. Questa mattina il giudice monocratico del tribunale di Ferrara, ha convalidato l’arresto e condannato il 25enne alla pena di 10 mesi di reclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.