Bruni: “No conflitto tra sagre e ristoranti”

bruniTra ristoranti e sagre enogastronomiche non ci deve essere conflitto, ma collaborazione: hanno obiettivi diversi ma un’unica missione, valorizzare i prodotti del territorio.

Lo ha detto Paolo Bruni, presidente del Centro Servizi Ortofrutticoli, intervenendo alla sagra del Tortello di Melara, provincia di Rovigo.

“Le sagre – ha aggiunto – sono un fenomeno di ampia socializzazione low cost basate sul volontariato; i ristoranti sono attività imprenditoriali che contribuiscono ad affermare la nostra gastronomia. L’obiettivo comune deve essere quindi quello di collaborare per rendere più forte l’agroalimentare italiano in Italia e nel mondo”.

Un pensiero su “Bruni: “No conflitto tra sagre e ristoranti”

  • 26/08/2013 in 20:15
    Permalink

    ma che cavolo dice ….. basta dare fiato alla bocca …. !!!!! E palese che c’è conflitto . Le sagre sono basate sul volontariato , zero costi se non la materia prima , invece i ristoranti avendo costi e investimenti maggiori ( personale, affitti, acquisto materia prima più vario, ecc… ) non possono competere con i prezzi .
    Sta mania di sminuire sempre i problemi e pensare che i cittadini siano dei cretini, ma vogliamo cominciare a dire le cose come stanno ?
    Sarei stata più soddisfatta se alle affermazioni del Presidente si fosse aggiunta anche una ipotesi di soluzione x risolvere la questione ……( Qualche genio della politica ci sarà pure che ha delle idee in merito? ).
    ” ….valorizzare i prodotti del territorio….” è una frase di grande effetto , che gratifica chi la afferma , ma che nella praticità è impraticabile in pari misura tra i due soggetti.
    Grazie.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *