Brutale violenza su bimbo, mercoledì in aula

810644-minore

E’ una storia triste di un bambino di appena tre anni che sottratto dalla madre al padre naturale finisce poi per essere vittima di una violenza brutale.

Una violenza, secondo la procura di Ferrara, che la mamma compie con il suo compagno, un trentenne con precedenti. Docce fredde, mozziconi di sigarette che vengono spenti addosso alla pelle del bambino. E poi, sempre secondo la procura estense, tante percosse. A dirlo sono anche i referti dei medici del pronto soccorso di Ferrara che si attivano, a febbraio dell’anno scorso, e sporgono una denuncia alla polizia. Il bambino arriva in ospedale con diversi ematomi alla tempia e agli occhi. Mandibola e diverse costole fratturate, riporteranno i sanitari negli atti. Parlano anche di una bruciatura da sigaretta. “Si è fatto tutto da solo” diranno i genitori, poi arrestati, dalla squadra mobile, anche se oggi non sono più in carcere. Lui inoltre ha solo l’obbligo di dimora. Una storia feroce che dalle mura domestiche domani finisce davanti al gup del tribunale di Ferrara.

Maltrattamenti plurimi e lesioni per entrambi, le accuse formulate del pm Barbara Cavallo. Per la madre si aggiunge anche la sottrazione di minore. Il bambino, secondo gli inquirenti, infatti sarebbe stato portato via al padre che vive in un’altra città. Un padre che dopo le visite in ospedale si è precipitato dal Nord Italia a Ferrara per riprendersi suo figlio di cui ora ha la patria potestà. Il bambino domani sarà rappresentato dall’avvocato Marco Linguerri. La coppia invece sarà difesa dai legali ferraresi Luca Canella per lei, Maria Giovinazzo per lui.

%CODE%

Un pensiero su “Brutale violenza su bimbo, mercoledì in aula

  • 09/04/2013 in 18:52
    Permalink

    Spero finiscano in galera con persone che facciano a loro quello che hanno fatto al bimbo.Che abbiano le più atroci sofferenze.Brutti esseri schifosi,esseri! Non fanno parte né della razza umana né della razza animale.Anzi spero che finiscano in un fiume.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.