Caccia al killer: casa sospetta a Marmorta. Arriva ministro Minniti – VIDEO

Il killer di Budrio e Portomaggiore è ancora nella zona rossa che si trova fra Molinella, Campotto e Portomaggiore.

Ieri infatti è stato trovato un casolare dove il killer forse ha trovato riparo negli ultimi giorni. E intanto domani sera arriva il ministro degli Interni Minniti.

 

 

Un residente della casa setacciata dai carabinieri chiede di poter rientrare

Terrorizzati e increduli per quanto stava succedendo a casa loro. Così sono apparsi alcuni degli inquilini che abitano nel casolare che ieri pomeriggio è stato messo sotto-sopra dagli inquirenti per trovare nuove tracce di Norbert Feher.

Il casolare, che presenta segni di una ristrutturazione recente è un insieme di appartamenti che in via Fiume Vecchio, nella frazione di Molinella di Marmorta, ospita diverse famiglie di diverse etnie. In una parte di quel casolare i carabinieri hanno lavorato fino a tarda sera. Anche con l’ausilio dei carabinieri del Ris. Indagini importantissime che porterebbero dritto dritto al killer di Budrio e Portomaggiore.

Una parte del casolare è stata fatta sgomberare e anche verso sera non era possibile rientrare. Anche per un inquilino che aveva bisogno di rincasare… Anche una mamma con un bambino piccolo, ospitata da alcuni dirimpettai visto il freddo di ieri pomeriggio, verso l’ora di cena aveva bisogno di tornare a casa perché suo figlio aveva fame. L’accesso alla sua casa tuttavia era off limit. Ed è stato così fino alla fine dei rilievi.

Un casolare da cui emerge la sensazione che chi ci abita in quelle case non è stanziale. Un casolare, insomma, i cui appartamenti vedono una rotazione molto frequente di inquilini. Un luogo dunque idela anche per trovare un riparo da parte di uno come Norbert Feher.

Nessuno in quella casa pare veramente conoscersi… E dopo gli appartamenti sono stati setacciati anche i vicini sgomberi. Casette adibite a cantina e ripostiglio, vicino alla campagna, che potrebbero aver permesso al fuggitivo di trovare un riparo, sopratutto dal maltempo di questi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *