La caccia al killer anche con il maltempo

Norbert Feher, alias Igor, in una foto tratta dal profilo Facebook

Pioggia e vento freddo sulla bassa tra Bologna e Ferrara.

Il maltempo ostacola il decimo giorno di caccia a Norbert Feher alias Igor Vaclavic, serbo di 41 anni indagato per gli omicidi di Budrio e Portomaggiore, commessi l’1 e l’8 aprile.

Nonostante il meteo avverso, le ricerche del latitante proseguono, coordinate dalla caserma dei carabinieri di Molinella, nel Bolognese: centinaia gli uomini impegnati.

La pioggia può essere un problema perché cancella le scie fiutate dai cani molecolari tra le paludi, ma allo stesso tempo renderà più leggibili sul terreno i segni recenti del passaggio dell’uomo in fuga: gli investigatori sono infatti convinti che Feher si trovi ancora nella ‘zona rossa’, 40 km quadrati tra le oasi di Campotto e Marmorta. Sempre nell’ipotesi che sia ancora lì, il ricercato potrebbe essere inoltre messo a dura prova dall’abbassarsi delle temperature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *