Caccia al via tra aviaria e pesca

04 malaguti caccia volpeLa Giunta dell’Emilia-Romagna ha preso alcune misure cautelari contro il diffondersi dell’influenza aviaria, delle quali una è rivolta alle doppiette che si apprestano ad effettuare l’apertura della caccia prevista per domenica 15 settembre sul territorio regionale.

Dopo la recente riunione a Bologna dell’Unità di crisi, infatti, parallelamente alle restrizioni sulla movimentazione di volatili vivi, è stata disposta anche la sospensione dell’utilizzo di uccelli da richiamo durante l’intera stagione venatoria.

“La decisione, a fronte di una fase epidemiologica molto acuta, – specifica il comandante della Polizia provinciale Claudio Castagnoli – è stata assunta per limitare il rischio diffusione del virus e riguarda espressamente, come riporta una nota stampa emanata dalla Regione, gli uccelli da richiamo appartenenti agli ordini degli anseriformi e caradriformi, che non si possono quindi utilizzare durante l’esercizio venatorio”.

La Provincia inoltre dispone il divieto temporaneo di pesca da martedì primo ottobre 2013 a venerdì 31 gennaio 2014 nelle giornate di lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle 5,30 alle 13,30, su entrambe le sponde del canale circondariale Bando – Valle Lepri, in località San Giovanni di Ostellato.

La decisione è stata presa limitatamente al tratto compreso nei tredici appostamenti di caccia situati nella zona ed è una misura precauzionale, spiega l’assessore provinciale Stefano Calderoni, “Per evitare di esporre i pescatori alla portata di tiro delle doppiette, in piena stagione venatoria”.

Il provvedimento è a cura del servizio Protezione flora e fauna e produzioni agricole dell’amministrazione che ha sede in Castello Estense e riguarda la pesca effettuata con qualunque attrezzo, quantità e varietà di esche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *