Cafè della Memoria, ripresa delle attività online a Cento e Bondeno

Alla fine di febbraio si svolgeranno in modalità online.

Attraverso la stanza virtuale “Cafè della memoria” sulla piattaforma Blackboard messa a disposizione dall’Azienda USL di Ferrara per il Distretto Ovest, vengono garantiti in tal modo gli incontri sia per gli utenti che per i familiari/caregiver, grazie alla collaborazione dell’Associazione Alzheimer “Francesco Mazzuca” Onlus con sede a Cento.

Un modo per continuare ad assicurare supporto e sostegno a pazienti e famiglie, anche da remoto, già attivato dall’arrivo della pandemia da Covid-19 che ha reso necessaria una riorganizzazione delle attività in maniera flessibile.

Da settembre 2021 è stato possibile riprendere le attività in presenza sia a Cento che a Bondeno ma, a seguito delle necessarie misure di contenimento del contagio, a gennaio 2022 gli interventi sono tornati in modalità online per pazienti e familiari/caregiver, che avvengono in momenti distinti. Per quanto concerne i familiari, ove possibile e per chi ne ha la necessità, si effettuano dei colloqui di supporto psicologico in presenza, attuando le regolari procedure previste dalle attuali normative anti-Covid.

Uno degli obiettivi principali dei Cafè della Memoria – nell’ambito dell’Accordo di Programma per il potenziamento della rete di servizi per le malattie dementigene nella provincia di Ferrara, attivo dal 2010 nel Distretto Ovest – è quello di contrastare la solitudine e l’isolamento nell’anziano, ma anche di colui che assiste, costantemente in prima linea nell’adattarsi ai cambiamenti che inevitabilmente la malattia porta e nell’elaborare tali modificazioni. Questo obiettivo a causa dell’emergenza sanitaria ha rischiato di venire meno ma è stato prontamente ripreso dal team di professionisti di riferimento, composto da linguista e psicologhe–psicoterapeute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.