Calano i reati, ma aumentano furti in appartamento e rapine per strada

questura

Aumentano i furti in appartamento, calano le rapine (a parte quelle in strada e nelle banche) i furti di auto e di biciclette. Questo il bilancio delle forze dell’ordine registrato nel 2013. I dati sono stati illustrati questa mattina in una conferenza stampa, che si è tenuta in Questura a Ferrara.

Se si volesse parafrasare, in maniera un po’ forzata, il Report delle forze dell’ordine illustrato in Questura, relativo ai reati commessi nel 2013, Ferrara è la bella addormentata in Regione anche per quanto concerne il crimine. Ma per fortuna, potremmo aggiungere in questo caso

Perché a Ferrara e in Provincia, nell’anno appena trascorso, i reati commessi sono visibilmente calati. Meno 3,8% in provincia e meno 5,3% in città a Ferrara.

“Se tutto questo dipenda dal fatto che le persone sporgono denuncia in modo discontinuo la questura non è in condizione di affermarlo. Tuttavia -spiega il Questore, Orazio D’Anna- ci sono segnali che dicono il contrario: “per esempio per i furti negli esercizi commerciali ci sono state più chiamate al 113 rispetto al passato”

I dati registrati dal 1° gennaio al 20 dicembre 2013, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, registrano una forte flessione degli omicidi volontari, dei tentati omicidi e degli omicidi colposi. In calo, sia a Ferrara che in provincia, il numero delle rapine in abitazione, negli uffici postali e negli esercizi commerciali. Aumentano invece le rapine per strada (+25% in provincia) e nelle banche

Se da un lato calano visibilmente gli scippi, i furti di auto, di cicli, motocicli e persino di biciclette, dall’altro si registrano in aumento i furti in appartamenti e nelle abitazioni (a Ferrara +4,5%). In forte crescita sia a Ferrara che in provincia, il numero di estorsioni (+62,5%) di violenze sessuali e di truffe e frodi informatiche.

Calano visibilmente invece le lesioni volontarie, le percosse, le minacce e le ingiurie. In calo anche ricettazioni, riciclaggio ed usura. In diminuzione anche incendi e danneggiamenti.

Per quanto concerne il mondo della droga, controllato in città dai pusher maghrebini in Via dei Baluardi e da quelli di etnia nigeriana in zona Gad, la richiesta è soprattutto di marijuana preferita dai minorenni) che hashish e più cocaina che eroina per le droghe pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *