CamCom: “Più imprese e meno burocrazia”

camera-commercio-pp

Più imprese e meno burocrazia: questo l’obiettivo della Giunta della Camera di Commercio che ha approvato delle delibere linee guida per il lavoro e la competitività.

Attrattività, accesso al credito e meno burocrazia. Sono questi i principali obiettivi della “Piattaforma per il lavoro e la competitività”, le cui linee guida sono state messe a punto, venerdì, dalla Giunta della Camera di commercio di Ferrara. Nove le “direzioni di sviluppo”, tra le quali il welfare come motore di sviluppo, una Pubblica amministrazione rinnovata e gli investimenti Diretti Esteri.

Diversi anche gli “strumenti” individuati dalla giunta camerale come l’Accordo per la competitività, per definire tempi certi, numero di posti di lavoro previsti, incentivi anche fiscali e ricorso semplificato agli strumenti urbanistici per la localizzazione di insediamenti produttivi. Tra gli strumenti ci sono anche i modelli di finanziamento alternativi come i minibond e i fondi di investimento in capitale di rischio.

La Giunta presieduta da Paolo Govoni ha dato il via anche a due progetti integrati a sostegno, rispettivamente, del comparto manifatturiero e del comparto del commercio: tra le proposte è prevista anche la riduzione dei costi degli affitti per le attività economiche. Intanto a Ferrara, tra aprile e giugno di quest’anno, da largo Castello fanno sapere che ci sono 130 imprese in più tra la città e la provincia, una piccola nota positiva nel saldo che appunto registra 500 imprese che hanno aperto in due mesi e 364 attività che hanno chiuso i battenti nello stesso periodo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.