Camelot, la procura indaga sui rapporti fra Comune e cooperativa

procuraNon c’è un’ipotesi di reato e non ci sono nomi di indagati.

E’ quanto prevede il fascicolo aperto dalla Procura per far luce sui rapporti fra il Comune e la cooperativa Camelot. Un fascicolo aperto, al momento, per atti relativi. La conferma arriva dallo stesso procuratore capo di Ferrara, Bruno Cherchi che lavora sul caso insieme al sostituto procuratore Stefano Longhi. “Per il momento si tratta di un’indagine conoscitiva” ha dichiarato alla stampa locale, lo stesso Cherchi. Gli uffici di via Mentessi infatti cercano di capire quali siano gli iter amministrativi che mostrano il rapporto che fino ad oggi c’è stato fra amministrazione comunale e la Camelot.

Gli inquirenti infatti stanno cercando di capire se dal vaglio di questi iter amministrativi possano emergere fatti penalmente rilevanti. Le indagini infatti, partite lo scorso giugno, hanno già visto diverse incursioni dei carabinieri negli uffici dei servizi sociali del Comune dove sono stati acquisiti degli atti utili per le indagini che fanno parte di un fascicolo che la stessa procura sottolinea aver aperto “di iniziativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *