Camera di Commercio Ferrara, prove di fusione

camera commercioProve tecniche di accorpamento: potremo ribattezzare così il Convegno che lunedì prossimo, a Comacchio, Manifattura dei Marinati sarà dedicato alla Responsabilità sociale di Impresa.

In realtà si tratta della conclusione di un percorso annuale di laboratori, svolti nei mesi scorsi, sui temi del welfare, della mobilità sostenibile, e del turismo sostenibile, alla presenza di esperti, rappresentanti dlele istituzioni e delle associazioni di categoria.

Il fatto è che questa esperienza ha visto operare insieme le Camere di Commercio di Ferrara e di Ravenna con la Regione Emilia Romagna , e verrà aperto proprio dai saluti dei due presidenti, Paolo Govoni di Ferrara e Natalino Gigante di Ravenna.

Ferrara e Ravenna sono protagoniste, proprio in queste settimane, di un percorso di accorpamento imposto dalle normative vigenti alle Camere di commercio con meno di 75mila imprese iscritte, che ora appare più difficile e sofferto del previsto.

In un primo tempo, le associazioni di categoria ferraresi parevano concordi nel puntare, per il primo mandato della nuova Camera di Commercio Ferrara.-Ravenna, su un ferrarese, nello specifico Paolo Govoni, provenienza CNA, attuale presidente a Ferrara. In Novembre però, le due associazioni ferraresi del commercio – ASCOM e Confesercenti – hanno deciso, al contrario, di puntare non più su un ferrarese, ma su un uomo del loro settore, l’attuale direttore di Confcommercio Ravenna Giorgio Guiberti; non è mancata, come si può immaginare, una levata di scudi delle altre associazioni.

Tra fine febbraio e inizio marzo è spuntata una nuova proposta: quella di Confartigianato: mantenere l’autonomia di Ferrara, bloccare il processo di accorpamento. Non è detto che lunedì i due presidenti di Ferrara e Ravenna – Govoni e Gigante – si esprimano sulla complessa vicenda. Di certo, un dibattito molto caldo è previsto per il prossimo 4 aprile, giorno in cui è convocata l’assemblea della Camera di comme4rcio di Ferrara proprio per affrontare questo argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *