CANOA CLUB: trionfo a Ivrea

Podio tutto ferrarese all’International Race

Trasferta impegnativa quella dello scorso week-end per il Canoa Club Ferrara che a Ivrea ha partecipato all’International Race valida come ranking mondiale. Tutti i migliori slalomisti azzurri hanno approfittato dell’occasione per misurarsi in un canale di altissimo livello che sarà sede della quarta prova per la Coppa del Mondo in settembre e dei Campionati Mondiali nel 2018.
Per la rappresentativa ferrarese un’altra buonissima prova soprattutto per le ragazze che, difendendo i colori azzurri sull’imbarcazione della canadese monoposto, dopo le prove di qualificazione di sabato dove l’aveva fatta da padrone l’Australia nelle semifinali e finali di domenica, le ferraresi tirano fuori carattere e grinta arrivando a coprire in finale l’intero podio relegando la favorita Australia al quarto posto. È oro per Elena Borghi, argento per Carolina Massarenti e bronzo per Marta Bertoncelli. Per l’unico rappresentante maschile Marcello Semenza, in gara sulla canadese monoposto, un brillante secondo posto.
Concluse le gare internazionali valide per il ranking mondiale, nella giornata di lunedì altra gara per la compagine ferrarese che affronta le due manche valide come la prima delle tre prove selettive per la squadra nazionale che parteciperà ai campionati europei e mondiali junior nella prossima estate. Nella canadese monoposto la fa ancora da padrone Elena Borghi che si piazza ancora al primo posto davanti a Marta Bertoncelli argento, mentre Carolina Massarenti chiude al quarto posto. Nella gara del Kayak terzo posto per Francesca Malaguti mentre Elena Borghi e Marta Bertoncelli incappano in un salto di porta che le relega al quinto e sesto posto. Per la canadese monoposto maschile bronzo anche per Marcello Semenza.
Prossimo appuntamento per la squadra di slalom estense al gran completo sabato e domenica prossimi in occasione della gara nazionale a Limena (PD).
Nella foto da sx: Marta Bertoncelli, Carolina Massarenti, Elena Borghi con l’allenatore Paolo Borghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *