Covid, muore carabiniere di 55 anni in servizio a Cento

Grave lutto nell’Arma dei Carabinieri. E’ morto all’età di 55 anni Luca Rigato, appuntato scelto in servizio a Cento.

Si è spento la notte scorsa nel reparto di rianimazione dell’ospedale Sant’Anna di Ferrara dove era ricoverato per coronavirus. Sposato e padre di due ragazzi, Rigato era “sempre disponibile con chiunque” dicono di lui i colleghi secondo cui “dispensava e forniva soluzioni anche alle situazioni più complesse”.

Originario della provincia di Padova, si è arruolato nell’Arma nel 1984 prestando servizio, dopo il periodo di formazione, nel Comando Legione di Padova, ad Adria nel rodigino e ad Argenta sino ad arrivare a Cento nel 1990.

Tutta l’Arma dei carabinieri cinge con il più intenso degli abbracci la sua famiglia e piange con dolore ed orgoglio un suo figlio che se ne va. Numerose sono già state le espressioni di cordoglio, prime fra tutte del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Generale di C.A. Givanni Nistri, del Prefetto della provincia di Ferrara Michele Campanaro, del Sindaco di Cento Fabrizio Toselli, dell’Assessore alla Sicurezza del Comune di Cento Generale dei Carabinieri Antonio Labianco, e del Comandante della Polizia Locale di Cento Fabrizio Balderi.

Le esequie si terranno venerdì 4 dicembre, alle ore 10:30, nella chiesa di San Nicola a Ponte San Nicolò nel padovano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *