Carceri, Sappe: “Detenuto tenta il suicidio, salvato dall’intervento degli agenti”

XX sappe carceriUn detenuto italiano, di 45 anni, ristretto nel carcere di Ferrara, ha tentato il suicidio ieri sera e solo grazie al pronto intervento della polizia penitenziaria è stato salvato da morte certa.

Lo rendono noto Donato Capece, segretario generale del Sappe, (sindacato autonomo di polizia penitenziaria), e Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto. “L’uomo si è impiccato – dicono i sindacalisti -, ma gli agenti se ne sono accorti subito e lo hanno tratto in salvo, con l’aiuto del medico del carcere che gli ha praticato il massaggio cardiaco, nell’attesa che arrivasse il personale del 118”. “Ogni anno – ricordano – la polizia penitenziaria salva la vita ad oltre 1000 detenuti che tentano il suicidio in carcere, nonostante le tante carenze di personale.

Il nuovo modello organizzativo che prevede la vigilanza dinamica, con le stanze aperte tutto il giorno, non ha risolto il problema degli eventi critici che continuano ad aumentare sempre di più”.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.