CAREGIVER DAY: 4 incontri da domani

Inizia venerdì 7 maggio alle ore 15, su piattaforma ZOOM, l’undicesima edizione delle Giornate del CAREGIVER DAY: a oltre un anno dall’avvento della pandemia. Una pandemia che ha drammaticamente mostrato a tutti la centralità delle cure sanitarie e della cura (care).

La cura, nel nostro sistema di welfare, è sostanzialmente sulle spalle di milioni di familiari, perlopiù donne, che – con l’avvento della malattia, della disabilità – si trovano a dover modificare profondamente le loro aspettative di vita, di lavoro, di relazione e – per i piu’ giovani – anche di studio.

La cura, come sostiene Luigina Mortari “è una pratica che ha luogo in una relazione fra un caregiver e una persona che riceve cura, è messa in moto dall’interesse per l’altro, dalla preoccupazione per la sua condizione e per il suo modo di essere, ed è orientata dall’intenzione di procurare benessere per l’altro”. E il bisogno di cura, nell’essere umano, è intrinseco alla sua condizione di fragilità. Tutti, nel corso della propria esistenza, necessitano di cura. E quindi la cura non può essere delegata a pochi e non è possibile far ripartire il Paese senza disegnare una nuova organizzazione sanitaria, sociale ed economica in grado di rispondere ai bisogni di cura e di offrire a tutti pari opportunità.

Di questo parlerà Luigina Mortari -Direttrice del Dipartimento di Scienze Umane e Professore Ordinario di Epistemologia della Ricerca Qualitativa presso la scuola di Medicina e di Filosofia della cura, Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di Verona – dopo un saluto introduttivo di Elly Schlein, Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna.

A condurre i lavori sarà Licia Boccaletti, Presidente di Anziani e non solo – società cooperativa sociale che – con il sostegno dell’Unione Terre d’Argine ed il patrocinio della Regione Emilia Romagna, di Carer-Associazione dei Caregiver Familiari dell’Emilia Romagna e dell’Azienda Sanitaria di Modena – promuove la rassegna del Caregiver Day.

Tutti gli eventi della rassegna sono gratuiti previa iscrizione:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *