Carife: le preoccupazioni dei risparmiatori e le vicende della banca

Carife_Palace

In attesa di notizie ufficiali dai Commissari inviati da Bankitalia per assumere la guida della Cassa di risparmio di Ferrara, Federconsumatori Ferrara convoca un incontro pubblico con i “Risparmiatori Azionisti Carife” il giorno 25 giugno 2013 dalle ore 17,00 alle ore 19,00, presso il Centro Sociale Rivana Garden in via Gaetano Pesci 181 a Ferrara. Obiettivo dell’incontro valutare quali azioni intraprendere nei confronti di Carife a difesa dei risparmi dei clienti e azionisti della Banca, successivamente al commissariamento della Banca d’Italia e soprattutto tenendo presente il crollo del valore delle azioni.

Interverranno i consulenti legali di Federconsumatori nazionale oltre che locale, martedì 25 giugno all’incontro indetto da Federconsumatori a Ferrara dalle ore 17,00 alle ore 19,00, presso il Centro Sociale Rivana Garden per valutare eventuali azioni da intraprendere a difesa dei risparmi investiti da tanti cittadini nella Cassa. Il commissariamento e le notizie sul crollo del valore delle azioni Carife stanno creando preoccupazioni e allarme, soprattutto in chi appena un anno e mezzo fa ha investito i propri risparmi nell’ultimo aumento di capitale della Banca. Che cosa succederà di qui ai prossimi mesi delle azioni di una banca in cerca di un partner industriale in grado di rimettere in sesto le finanze della Cassa? vale adire un compratore che nel caso auspicato da tanti ferraresi voglia mantenere l’identità di Carife o che nel caso di un colosso del credito nazionale o internazionale, possa addirittura assorbirla in un marchio diverso, ipotesi considerata da molti come la più probabile?

Il commissariamento deciso da Bankitalia, e che da alcuni in città viene vissuto come preludio ad un riassestamento della tenuta finanziaria della Cassa, da altri come una minaccia o comunque una situazione piena di incognite, ha messo in fibrillazione oltre ai media, l’opinione pubblica, che di giorno in giorno segue le notizie che si rincorrono.

Ogni notizia per una città come Ferrara, che ha avuto nella Cassa un partner finanziario ed economico storico, è destinato ad avere contraccolpi violenti.

Così racc0ogliamo il disagio del personale: che ci succederà, è la domanda più frequente: Saranno chiuse alcune filiali? chi appartiene alla sede centrale dovrà allontanarsi da Ferrara per andare nella eventuale sede del partner? Ci sono tanti precedenti che fanno testo, delle stesse acquisizioni attuate da Carife nel fortunato decennio 2000 – 2009.

Il licenziamento dell’avvocato Guido Reggio ha creato rumors di non poco conto.

La prima ispezione di Bankitalia, si è detto, ha prodotto multe per il CDA e il cambio del direttore generale, peraltro arrivato alla pensione, ma questa seconda ispezione ha portato a Ferrara i commissari, azzerato il CDA. Che c’è sotto? Bankitalia è intervenuta perché non c’è stata la discontinuità auspicata, o per qualche altra ragione? Sono domande legittime, che il silenzio di chi può rasserenare il clima contribuisce ad accentuare. Per questo c’è attesa per l’incontro di martedì fra Il prof Bruno Inzitari e gli organi di stampa.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *