Carife: trattativa in stallo tra sindacati e commissari

Carife_Palace

Si è conclusa alle due del mattino con un sostanziale nulla di fatto la trattativa che sta mettendo di fronte sindacati e commissari Bankitalia, e che è destinata a segnare il futuro della Cassa di Risparmio di Ferrara.

L’obiettivo della trattativa è realizzare quei risparmi che i commissari considerano necessari per risanare l’istituto di credito (circa 30milioni di euro) scongiurando i licenziamenti.

E questo è un primo punto di divergenza: i sindacati vogliono che l’accordo finale non contempli affatto la possibilità di effettuare licenziamenti, nemmeno come estrema ratio, per risanare l’istituto.

Altro nodo da sciogliere è la società di Leasing e Factory Affari e Finanza di Napoli, che fa parte del Gruppo Carife: ci lavorano 60 dipendenti, a il gruppo Carife, sul posto, potrebbe mantenerne al massimo una ventina. E gli altri? Potrebbero trasferirsi a Ferrara con una indennità di disagio di 400 euro mensili? L’ipotesi è allo studio.

Altra questione sono le giornata di solidarietà: si tratta in sostanza di giornate lavorative non pagate, una misura ideata per consentire all’azienda di conseguire risparmi per circa 5 milioni l’anno. Nel triennio 2016-18 i commissari chiedono di portarne il numero da 15 a venti l’anno, escludendo però da questo aumento i dirigenti; i sindacati non sono d’accordo.

La trattativa è destinata a proseguire: i sindacati faranno arrivare ai commissari proprie osservazioni scritte, e poi si ricomincerà a discutere, forse già nei primi giorni della settimana prossima.

Un pensiero su “Carife: trattativa in stallo tra sindacati e commissari

  • 23/11/2013 in 21:23
    Permalink

    Una vera banca di pagliacci in cui i dipendenti stanno pagando le s…….. fatte dalla direzione precedente e forse anche dall’attuale in cui i dipendenti sono trattati quasi fossero loro i responsabili della m…. che gli e’ arrivata addosso.
    Una banca di pagliacci anche perche’ sembra che i dirigenti la debbano pagare meno dei dipendenti.
    Devo aggiungere altro?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *