Monumenti aperti a Ferrara grazie a Carlo Bononi – VIDEO

In occasione della mostra “Carlo Bononi, L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese” a Palazzo dei Diamanti, il 28 e 29 ottobre 2017 si terrà la prima edizione ferrarese di Monumenti Aperti, patrocinata dal Comune di Ferrara e coordinata da Imago Mundi Onlus e Fondazione Ferrara Arte, con la collaborazione dell’Associazione Ferrara Off.

A narrare i monumenti del ‘600 ferrarese saranno ragazzi e bambini, giovani guide di un itinerario all’interno di una Ferrara meno nota.

La manifestazione ideata più di vent’anni fa in Sardegna è stata importata a Ferrara grazie allo scrittore per ragazzi Luigi Dal Cin, che per l’occasione ha scritto un racconto intitolato, Carlo,l’angelo e il ‘600, di cui parleremo nei nostri prossimi notiziari. Venerdì prove generali a Palazzo dei Diamanti con il supporto di Ferrara Off.

 

 

Dal Comunicato Stampa

La voce di giovani e giovanissimi studenti delle scuole ferraresi guiderà il pubblico in un percorso inedito, dedicato all’opera di Carlo Bononi e alle testimonianze ferraresi della nascita e della maturazione dell’arte e dell’architettura barocca: un itinerario che si snoda dalla mostra a Palazzo dei Diamanti, attraverso il Castello Estense, le chiese di San Francesco e Santa Francesca Romana, Palazzo Bonacossi, l’Oratorio dell’Annunziata, la Basilica di Santa Maria in Vado e la Basilica di San Giorgio, per toccare due mete abitualmente chiuse al pubblico, le chiese di San Giuliano e San Carlo Borromeo. 

I monumenti saranno aperti e visitabili gratuitamente sabato 28 e domenica 29 ottobre secondo gli orari stabiliti per ciascun monumento (il programma sarà a breve disponibile on line) e verranno “narrati” al pubblico attraverso visite animate condotte dagli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Le visite nelle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose. La manifestazione ruoterà attorno all’arte e all’architettura del Seicento a Ferrara, per far riscoprire un periodo poco conosciuto della storia della città estense grazie ad una proposta nuova e partecipata di valorizzazione del patrimonio culturale cittadino.

diamanti bononi mostraPer la sola serata di sabato, la mostra Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese entrerà a far parte del percorso di Monumenti Aperti con un’apertura straordinaria gratuita dalle 19 alle 22. In tale occasione i personaggi storici e religiosi rappresentati nelle opere di Carlo Bononi si racconteranno attraverso le voci delle giovani guide, invitando il pubblico ad entrare nel mondo dell’artista e nell’atmosfera del suo tempo.

L’evento s’inscrive nell’ambito dei progetti sperimentali che la Fondazione Ferrara Arte realizza dal 2010, in collaborazione con Eni in occasione delle mostre a Palazzo dei Diamanti, e prevede un articolato percorso formativo (iniziato nelle scuole già prima della fine dello scorso anno scolastico e ripreso con l’apertura del nuovo anno scolastico) che ha per protagonisti circa 900 alunni. Il percorso è guidato dallo scrittore Luigi Dal Cin, che per il primo ciclo della scuola elementare ha avviato un lavoro sull’immaginario che scaturisce dalla ricchezza di uno sguardo non omologato, mentre per le classi dei più grandi ha scritto una trama inedita sui dieci monumenti, che sarà completata e raccontata dalle giovani guide per la manifestazione. A loro volta, i laboratori dell’Associazione Ferrara Off offrono a docenti e ragazzi strumenti teatrali per mettersi in gioco davanti al pubblico.

I contenuti relativi alla manifestazione corredati da informazioni sempre aggiornate, foto e materiali video sono ospitati nel sito ufficiale www.monumentiaperti.com. Il racconto di Ferrara Monumenti Aperti si svolgerà sui tre canali social ufficiali: Facebook Monumenti Aperti, Twitter e Instagram @monumentiaperti. Il tag ufficiale è #maperti17.

bononiMonumenti aperti è la più importante festa della Sardegna dedicata alla promozione e valorizzazione dei beni culturali.

Nata nel 1997 a Cagliari dalla passione e l’impegno civile di un gruppo di studenti universitari, la manifestazione, organizzata dalla ONLUS Imago Mundi, coinvolge ogni anno più di cinquanta amministrazioni comunali e almeno quindicimila studenti di tutte le età che per due giorni diventano i “ciceroni” dei propri territori e degli oltre seicento monumenti aperti al pubblico nei fine settimana tra aprile e maggio. Dal 2013 la manifestazione è sbarcata nelle Langhe piemontesi, nei territori raccontati da Cesare Pavese e Beppe Fenoglio e nell’autunno di quest’anno sarà presente anche nel comune di Ferrara.

Oltre alle consuete visite guidate, tutte rigorosamente gratuite, appositi percorsi sono progettati per il mondo della disabilità, in accordo con le associazioni di categoria, così come sono realizzate visite guidate pensate appositamente per i bambini. Un ricco programma di eventi collaterali, di animazioni musicali, di installazioni sonore ed esibizioni teatrali nei monumenti e nelle piazze contribuisce a rendere la manifestazione ancora più coinvolgente e stimolante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *