Caro bebè, dal pancione alla maturità costa 171.000 euro

nido-neonati
171mila euro dal pancione alla maturità. È questo il costo medio che una famiglia deve sostenere per crescere un figlio fino ai 18 anni. I conti in tasca alle mamme e ai papà italiani li ha fatti Federconsumatori che, scontrino dopo scontrino, tra pappe e pannolini, ha calcolato che in Italia per un bambino si spendono in media 9500 euro all’anno. E la prima candelina è quella che costa di più, dalla nascita all’anno un bebè costa in media 14000 mila euro, 1000 solomdi pannolini, senza contare i quasi 2000 euro che le neomamme spendono tra esami, visite e preparativi, quando ancora il piccolo è nel pancione.
Costi altissimi che dal 1960 ad oggi, al netto dell’inflazione, sono cresciuti del 25%. E sì che i genitori italiani hanno provato a tagliare un pò dappertutto. Rispetto a 50anni fa si spende il 50%in meno per l’abbigliamento e il 25% in meno sull’alimentazione. Si spende invece il doppio per medicine e dottori, e addirittura il 1000% in più per educazione e benessere. 
Ma ad appesantire ancora di più i bilanci della famiglie con bambini, in Italia contribuisce anche il taglio al Fondo dei finanziamenti per le famiglie, che dal miliardo di euro nel 2007 è passato a circa 45 milioni nel 2013, e le detrazioni annue per una famiglia di ceto medio dove entrambi i genitori lavoro sono appena 700 euro. 
C’è poi il problema degli asili nido, in certe zone del notro paese soddisfano appena il 5% della domanda, e dei congedi parentali, troppo corti o ai quali purtroppo molte mamme rinunciano, perchè le lavoratrici italiane sono quelle che in Europa rischiano di più di perdere il posto dopo aver messo al mondo un figlio.  
Insomma mettere sù famiglia oggi più che mai vuol dire fare sacrifici, ma ogni genitore o, aspirante tale, sa già che l’amore e la gioia che riceverà in cambio sarà davvero senza prezzo! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *