Caro bollette, sindaco Ferrara chiede risposte veloci al governo. “Pnrr sia occasione per premiare amministrazioni virtuose”

Caro bollette, “dal governo ci aspettiamo risposte veloci e risorse adeguate. Si tratta di una vera e propria emergenza che sta colpendo famiglie, imprese e Comuni”.

A dirlo Alan Fabbri, sindaco di Ferrara, vicepresidente Anci Emilia-Romagna e delegato di Anci nazionale alle Politiche istituzionali, riforme e autonomie, questa mattina a confronto col primo cittadino di Napoli, Gaetano Manfredi, a Radio 24 (trasmissione 24 Mattino condotta da Simone Spetia).

Come sottolineato da Fabbri, l’aggravio dei costi per la macchina comunale è, ad oggi, quantificato in circa 2 milioni di euro. Più 44% per il riscaldamento\gas e 63% in più per l’energia elettrica.

Sindaco che è anche intervenuto sul Pnrr, e spera che sia “l’occasione per premiare chi ha saputo fare bene e fare investimenti mirati”.

“In Italia purtroppo chi amministra bene e ha bilanci solidi, tanto a destra quanto a sinistra, viene troppo spesso penalizzato – ha aggiunto Fabbri che ha citato il caso del Veneto dove – in base a un’elaborazione di Anci regionale – il bando per la Rigenerazione ha inizialmente portato 86,96 euro a cittadino in Campania, 86,80 in Sicilia, 101,46 in Puglia e solo 6,27 in Veneto e ha inoltre spiegato che il bando aveva destinato al Sud ben più del 40 per cento inizialmente stabilito, nonostante il 93% dei progetti sia stato presentato da Comuni del Nord Italia.

Quanto al primo bilancio dI attrazione e utilizzo delle risorse del Pnrr a livello locale, il primo cittadino ha spiegato che “il Comune di Ferrara ha già intercettato fondi per 41milioni di euro, sui progetti di Rigenerazione urbana (dopo il ricarico di ulteriori 900milioni di euro), per il recupero dell’ex scuola di via Pietro Lana e quella di via Coronella, per il Pinqua, per realizzare il nuovo quartiere ‘Le Corti di Angelica’ e ha già candidato progetti 9 chilometri di piste e percorsi ciclabili in città per 2,4 milioni di euro e 15 progetti di riqualificazione destinati a 13 scuole ferraresi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.