Rilancio Italia: una sanità più forte, pronta ad un possibile revival del contagio – INT. Tiziano Carradori

Il decreto Rilancio Italia mette al primo posto, negli investimenti di questa fase 2, la sanità. Quasi 3 miliardi e mezzo sono destinati , infatti,  a potenziare nell’immediato futuro sia la rete ospedaliera che la sanità territoriale, anche in vista dell’ipotesi di un ritorno di Covid 19 o di altre possibili epidemie.

“Una scelta giusta”, dice il direttore generale dell’ospedale Sant’Anna, Tiziano Carradori, “perchè finalmente considera la Sanità come bene primario del Paese non solo come generatrice di costi”. Quindi indica, fra  le priorità del  futuro, una valorizzazione della Sanità del territorio, fondamentale, come insegna l’esperienza del primo round di Covid 19, per evitare l’assalto delle terapie intensive e il collasso degli ospedali, che, comunque, dice Carradori, innanzitutto dovrà potenziare il personale in servizio, sacrificato in questi anni dai tagli dei finanziamenti.

L’intervista integrale  a cura di Dalia Bighinati andrà in onda questa sera nella rubrica A tu per tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *