Cartello anti-accattonaggio, gestore supermercato: “Sindaco difenda da racket”

conad_ppContinua a far discutere a Ferrara il cartello antiaccattonaggio esposto davanti a un negozio Conad di via Garibaldi. Un cartello in cui la direzione invitava i clienti a non elemosinare agli accattoni davanti al negozio.

Al sindaco Tiziano Tagliani, che aveva definito “atto incivile” il cartello, ha risposto Raffaele Goberti, il proprietario del negozio: “Signor sindaco – ha scritto alla redazione ferrarese del Resto del Carlino – non sono d’accordo con lei quando definisce stupida l’iniziativa del cartello esposto davanti al mio negozio, definizione alquanto affrettata e di parte. Stupido è invece non difendere la propria città dal racket dell’accattonaggio (spesso rifiutano il cibo e pretendono solo soldi, questo fa riflettere), stupido è non difendere la propria città dal degrado, stupido sarebbe, da parte sua, non accorgersi di quello che sta succedendo e far finta di niente”.

Goberti precisa: “Gestisco da trent’anni questo negozio e prima di me la mia famiglia aveva un’attività e mai dico mai ho visto situazioni di abbandono come in questi ultimi tempi, il mio è un grido di dolore che non trova nessuna risposta soprattutto dall’amministrazione comunale di cui lei ne è a capo. A Ferrara – ricorda – ho iniziato la Colletta Alimentare quando nessuno sapeva cos’era, ho aiutato gente in difficoltà (dalle adozioni a distanza a gente comune) e continuerò a farlo finché potrò”.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *