Sisma, due milioni di euro per le case Acer

Saranno necessari poco più di due milioni di euro, stanziati dalla regione Emilia Romagna, per risistemare in tempi rapidi i 283 alloggi di edilizia residenziale pubblica – le case popolari – che a seguito del sisma di fine maggio sono stati dichiarati del tutto o parzialmente inagibili.

Gli alloggi sono di proprietà comunale ma sono gestiti da Acer, l’azienda casa Emilia Romagna; e sarà proprio l’Acer ad occuparsi del loro ripristino. L’operazione è stata presentata oggi in conferenza stampa dal presidente di ACER Daniele Palombo e dal direttore Diego Carrara, e dagli assessori Modonesi e Sapigni – lavori pubblici e servizi alla persona.

Una prima fase di lavori di messa in sicurezza – ha spiegato oggi il direttore di ACER Carrara sono stati già effettuati immediatamente dopo il terremoto, e sono costati 350mila euro. Ora ci si prepara ad eseguire la seconda fase di lavoro, non appena la regione erogherà i fondi necessari.

Intanto, l’ACER si è impegnata anche nella ricerca di alloggi per le famiglie che al momento sono ancora senza casa: gli sfollati a seguito del sisma a Ferrara sono attualmente 165, ospitati in alberghi o nell’edificio del Darsena City. La ricerca di alloggi sfitti da assegnare a famiglie con abitazioni inagibili ha fruttato la disponibilità di 115 appartamenti a fronte di 54 richieste complessive. 283 sono invece le famiglie che hanno richiesto il contributo di autonoma sistemazione.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=4f7aafd3-0184-4ee8-8db8-ad29a06419b0&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

One thought on “Sisma, due milioni di euro per le case Acer

  • 16/11/2012 in 8:10
    Permalink

    Diventa necessario costruire con sistemi leggeri: light building. A Ferrara c’è WORMA CHE è ESCLUSIVISTA PER L’ITALIA DEL SISTEMA SANDWICH…..ma non solo .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *