Caso Aldrovandi in Senato

caso coisp in parlamento

Il Caso Coisp finisce in un’interrogazione parlamentare. A promuoverla è stata la senatrice ferrarese del Pd, Maria Teresa Bertuzzi che con altri parlamentari firmatari, chiede quale sia stato l’esito dell’ispezione avvenuta in questura subito dopo lo scontro fra il sindaco di Ferrara e il Coisp e l’Europarlamentare del Fli, Potito Salatto.

La Bertuzzi nel documento con gli altri firmatari si rivolgono al ministro Cancellieri affinché venga a riferire a Palazzo Madama per conoscere gli esiti dell’indagine avviata a Ferrara. Chiede innanzitutto di sapere che cosa è stato rilevato in merito alla correttezza e completezza delle comunicazioni al Ministero riguardo all’autorizzazione al presidio del sindacato. La senatrice vuole anche conoscere le pratiche relative al luogo dello svolgimento della manifestazione, per il quale era stato previsto un servizio di ordine pubblico, e se fossero state ipotizzati luoghi alternativi a piazza Savonarola. Chiede anche se il Ministro non ritenga che le prese di posizione degli agenti che hanno manifestato possano essere comportamenti inficianti la bontà delle azioni quotidiane degli appartenenti alla polizia di stato e incompatibili con il ruolo di agente di pubblica sicurezza”.

I parlamentari firmatari dell’interrogazione inoltre non si fermano qui e chiedono di agire anche contro il Coisp. Nell’interrogazione, infatti, i senatori parlano di “’l’attivare tutti i procedimenti disciplinari di competenza nei confronti degli agenti che hanno provocatoriamente manifestato sotto le finestre del Comune di piazza Savonarola, in cui lavora la mamma di Federico”

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *