Caso Bergamini: giudice archivia inchiesta. Sorella Denis: “Non ci fermiamo”

denis bergaminiIl giudice per le indagini preliminari di Castrovillari, Annamaria Grimaldi, ha archiviato l’inchiesta sulla morte del calciatore Donato Denis Bergamini, calciatore di Argenta, deceduto, il 18 novembre 1989 lungo la statale 106, all’altezza di Roseto Capo Spulico.

Nell’inchiesta – secondo quanto riportano i quotidiani calabresi – erano indagati l’ex fidanzata del calciatore, Isabella Ierinò, accusata di concorso in omicidio ed il camionista, Raffaele Pisano, per favoreggiamento e false dichiarazioni. Per i due indagati la Procura di Castrovillari ha chiesto l’archiviazione. Contro la richiesta della Procura si è opposta la famiglia del calciatore deceduto.

Nel febbraio scorso si era svolta l’udienza camera per discutere dell’opposizione alla richiesta della Procura di Castrovillari. A distanza di nove mesi il giudice ha deciso di archiviare l’inchiesta sostenendo che “dall’attento esame del copioso materiale investigativo in atti e dalla disamina dei vari accertamenti eseguiti, è emersa, a parere del giudice, l’infondatezza della notizia di reato, da intendersi come assoluta mancanza di elementi di prova efficacemente rappresentativi della sussistenza del delitto”. Ma la famiglia del calciatore morto non si arrende tanto che è stato fissato per il 21 dicembre un incontro con il nuovo procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla. Quest’ultimo si è detto disponibile a riaprire l’inchiesta nel caso in cui arrivino elementi di novità.

COMMENTO AMARO FAMIGLIA BERGAMINI. La sorella di Denis, Donata, su Facebook ha scritto: “Nove mesi per tale decisione? La vita continua noi non ci fermiamo, spero tanto nel domani, spero tanto nel nuovo Procuratore Capo Eugenio Facciolla”.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *