Caso Coccinelle, Ferraresi (Gruppo Misto): “Solidarietà alla famiglia di Modonesi”

“Esistono dei limiti che non dovrebbero essere superati. Alan Fabbri Sindaco di Ferrara, non professa verbo nei confronti dei comportamenti da BULLO del suo caro vicesindaco o dei suoi consiglieri quando pubblicano video denigratori nei confronti degli avversari politici, sfottendoli perchè non hanno altre argomentazioni e ben disposto a dare la sua approvazione (silenzio= assenso )

E’ il ‘J’accuse” di Anna Ferraresi, consigliera comunale del Gruppo Misto in consiglio comunale a Ferrara contro il commento del vicesindaco Lodi (e del like su fb del sindaco Fabbri) in merito alla condanna in primo grado di Paola Coluzzi, moglie di Aldo Modonesi, consigliere comunale del Parito Democratico, per illecita influenza sull’assemblea della cooperativa (fallita) Le Coccinelle.

“Caro Sindaco, Lei finto buono, finta faccia pulita, richiamato più volte affinchè prendesse una posizione chiara e decisa di fronte a ciò che di politico non ha nulla, MAI ha fiatato. MAI è intervenuto per frenare questa miserevole deriva. MAI ha battuto l’atteso colpo!

“Non entro nel merito giudiziario, perchè sarà la giustizia a fare il suo corso e di certo non saranno i proclami di Naomo e le sue bieche strumentalizzazioni.

“Non appartengo al PD, a cui sono stata associata diverse volte, senza che ciò corrisponda a verità, tipo il video mediocre pubblicato dal consigliere Felisatti con la chiara motivazione di denigrare la sottoscritta e altri due oppositori .

“L’ignoranza unita a scaltra cattiveria è la vostra politica. Vi basate sui like, su post mielosi di PROPAGANDA dove vi rivolgete ai cittadini come “Cari amici e care amiche” nell’intento di far credere che siete vicini alla gente e ai loro problemi e soprattutto che siete in grado di risolverli.

Nulla di più sbagliato. Il turbinio del cambiamento è ciò che è sotto i nostri occhi: una città degradata, sporca come mai, un centro storico invaso dalle auto, e tutti problemi che avevamo prima sono rimasti tali. Le frazioni abbandonate, lo spaccio spostato in altri quartieri. Vi comportate come regnanti, padroni della città. L’avete resa il vostro salotto privato aperto solo ai vostri amici. Avete consegnato la città in mano ai vari Sgarbi, Naomi , e compagnia bella ( si fa per dire) e la pagheremo cara tutti la vostra regnanza.

Ebbene , esiste una parola che voi non conoscete: il RISPETTO. E non sapete neppure cosa significhi UMANITA’. Infierire come state facendo, conoscendo molto bene la situazione famigliare di Aldo Modonesi, vi accomuna alla peggior specie di AVVOLTOI. e SCIACALLI.

“Solidarietà e vicinanza alla famiglia di Aldo e un grande abbraccio a Irene.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *