Caso Lagader, le accuse al sindaco

Tornano sulla vicenda Lageder i consiglieri comunali dell’opposizione, Valentino Tavolazzi di Progetto per Ferrara, Gioanni Cavicchi della Lega Nord e Alex De Anna di Io Amo Ferrara.

Puntano il dito contro il sindaco Tiziano Talgiani, l’unico amministratore che in tutti questi anni, con varie cariche, quello di assessore agli affari generali, prima, vicesindaco poi e oggi primo cittadino e non per ultimo in qualità di avvocato non ha impedito che la questione arrivasse ad indebitare il Comune di quasi un milione e 800mila euro. Soldi aggiungono che l’amministrazione oggi potrebbe avere per sanare quel debito se non avesse trasferito negli anni diversi soldi delle casse comunali ad Hera per il parco fotovoltaico di Ca’ Leona e se avesse fatto pagare, come si è scoperto molto più recentemente, l’ici ad Hera per l’impianto di via Diana. “Soldi – rimarca Cavicchi della Lega – che per altro l’assessore al Bilancio Luigi Marattin – in consiglio comunale non ha saputo spiegare come troveranno il denaro per restituire la somma che il tribunale di Bologna, in corte d’appello obbliga all’amministrazione estense di pagare alla famiglia di imprenditori Alto Atesini per un terreno dato in concessione l comune nei primi anni Ottanta.

Tavolazzi e Cavicchi chiedono come mai non si mai stata data notizia di questa vicenda ai cittadini, e come mai – sottolineano i rappresentanti dell’opposizione – a fronte di questo contenzioso, che oggi il Comune di Ferrara ha nuovamente impugnato, non si è mai provveduto negli anni ad accantonare, come avrebbe dovuto fare una buona amministrazione dicono Tavolazzi e Cavicchi tanto che lo scorso mese di giugno, dopo un atto di precetto della Corte di Cassazione, al blocco dei conti comunali in Carife.

Tavolazzi appoggiato da Cavicchi, tira così in ballo l’attuale sindaco che – a suo dire -nel novembre del 2002, dopo mesi di fermo della pratica proprio nella sua scrivania, avrebbe consigliato di impugnare la sentenza del Tribunale di Ferrara che obbligava il Comune a pagare i Lageder per un importo di molto inferiore a quello di oggi.

“Il mio coinvolgimento in qualità di avvocato sulla vicenda non c’è e non c’è mai stato” replica in modo perentorio Tagliani che a Telestense dichiara che quella è una vicenda che è sempre stata seguita da un ufficio legale del Comune e da uno studio privato di un avvocato, Dina Occhi che oggi non c’è più”.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=330a1876-d5cc-408c-ae18-1effe465d980&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Un pensiero su “Caso Lagader, le accuse al sindaco

  • 22/09/2012 in 21:24
    Permalink

    questa è la ragione per cui tormenta la PM a lavorare gratis

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *