Cassa integrazione per il terremoto

Sono 56 le aziende della provincia di Ferrara che, il 7 giugno, avevano atto richiesta di cassa integrazione per i propri dipendenti a causa dei danni subiti dal terremoto.

17 di queste aziende hanno sede a Ferrara, 13 a S.Agostino, 13 a Cento, 6 a Bondeno. Nel conteggio ricadono anche un’azienda di Copparo e una di Comacchio, che avevano cantieri nelle zone più direttamente colpite dal sisma.

Gli elenchi – diffusi dall’assessore alla politiche per il lavoro della provincia, Caterina Ferri – sono stati sottoscritti venerdì scorso, durante l’ultima riunione del tavolo istituzionale che si occupa della crisi post terremoto dal punto di vista occupazionale: la stima ufficiale parla di 3300 lavoratori coinvolti, ma è una stima certamente destinata a crescere. Il prossimo venerdì si terrà una nuova riunione del tavolo e avremo nuovi dati più aggiornati.

“Questa mattina in regione – aggiunge l’assessore Ferri –  l’INPS ha precisato che gli assegni di cassa integrazione causa terremoto verranno pagati direttamente dall’Istituto di previdenza. Non sarà necessario l’anticipo delle aziende, che proprio perché danneggiate dal terremoto, e quindi verosimilmente chiuse, non sarebbero probabilmente in grado di pagare”

Dopo il terremoto anche alcuni ipermercati Coopestense hanno deciso un periodo di chiusura per adeguamenti alle norme antisismiche. Le Mura è integralmente chiuso, al Castello è chiusa la galleria commerciale, mentre è attivo il supermercato. Si era parlato di chiusure di una settimana-dieci giorni: domani, al termine di un incontro tra vertici coopestense e le imprese che stanno operando, si saprà se quei tempi saranno rispettati, e di conseguenza verranno decise le misure da prendere per tutelare i lavoratori.

[flv image=”https://www.telestense.it/wp-content/uploads/2012/06/iper-video.jpeg”]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120613_06.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *