Catene davanti Duomo, il progetto è sospeso

01 voicer movida postribolo night

Le catenelle davanti al Duomo non verranno installate. A dirlo il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani.

Catenelle davanti al Duomo che avrebbero una funzione solamente simbolica e non di protezione efficace del monumento. L’amministrazione comunale di Ferrara con a capo il sindaco Tiziano Tagliani, poi, ha il dubbio che l’installazione di protezioni davanti alla cattedrale, operazione che costerebbe circa 30 mila euro, venga letta come “provocatoria”.

Questa in sintesi la risposta del primo cittadino all’interpellanza del consigliere comunale di Sel, Leonardo Fiorentini, che canta vittoria su Facebook pubblicando la foto del documento. La questione delle catenelle infatti assunse da subito, nell’estate del 2013, una connotazione politica.

Prima alcuni episodi di degrado e vandalismo sul sagrato del Duomo, in particolare il mercoledì sera, poi la dura condanna di questi comportamenti da parte dell’Arcivescovo di Ferrara-Comacchio, monsignor Luigi Negri. In seguito emerse l’idea del progetto di recinzione che vedeva coinvolto il Comune stesso: il Movimento 5 Stelle propose una raccolta firme per far decidere ai ferraresi il da farsi. Poi, infine, il consigliere Fiorentini, che interpellò ufficialmente Tagliani in consiglio comunale, con la risposta di mercoledì.

Il sindaco, nel documento ufficiale, sottolinea che non ci sono preventivi sul progetto di recintare con catene il sagrato del Duomo, intervento rimasto a livello di ipotesi e che, allo stato attuale, non dovrebbe diventare mai esecutivo.

Un pensiero su “Catene davanti Duomo, il progetto è sospeso

  • 21/01/2016 in 11:20
    Permalink

    per la verità il consigliere Fiorentini interpellò una prima volta il sindaco nell’estate del 2014, una seconda volta nell’estate 2015 (a cui è stata data ulteriore risposta ieri) e “poi, infine” il Movimento 5 stelle nell’autunno 2015 propose una raccolta di firme… #perlaprecisione

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *