Cause azione Carife, la Corte: decida il Tribunale di Ferrara

Sulla vicenda giudiziaria degli azionisti azzerati di Carife ora dovrà giudicare il Tribunale di Ferrara e non quello delle Imprese di Bologna.


A dirlo è una ordinanza della Cassazione arrivata il 10 aprile scorso, dopo che i legali di un’azionista, gli avvocati Stefano di Brindisi del foro di Ferrara e Giovanni Franchi di Parma, si sono rivolti alla Corte di Cassazione affinché dica, in base al Regolamento di Competenza, chi deve avere l’autorità per decidere sui ricorsi effettuati dagli azionisti azzerati di Carife.

Una richiesta inoltrata dopo che il Tribunale di Ferrara ha decretato la sua incompetenza in merito ad una causa fatta da un’azionista Carife.

Il Tribunale di Ferrara, nel giudice Anna Ghedini, sentenziò infatti che la decisione su quel procedimento avrebbe dovuto prenderla il Tribunale delle Imprese di Bologna.

Così il dubbio dei legali e la decisione di rivolgersi alla Cassazione affinché si chiarisca per sempre chi ha l’autorità di decidere sulla materia…

Dunque la tenacia di questa azionista ha permesso di stabilire con certezza chi deve giudicare su eventuali cause degli ex azzerati Carife. Ma è anche un’indicazione della Corte che fa chiarezza a livello nazionale, visti gli altri casi di banche fallite…

Ora però c’è il problema di chi si è già rivolto al Tribunale delle imprese…

Questa sentenza in pratica, secondo l’avvocato Franchi, rende nulle le decisioni del Tribunale delle imprese…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *