Ccsvi-Sclerosi Multipla, malati: “Si a polo di eccellenza a Cona”

La realizzazione nel nuovo ospedale di Cona, frazione di Ferrara, di un polo d’eccellenza per la cura dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale legata alla sclerosi multipla: è quanto chiede l’associazione nazionale Ccsvi Sclerosi multipla, che in una nota spiega di “apprendere con grande preoccupazione dalla stampa che non viene garantita la volontà di realizzare questa struttura”.

“L’aspettativa è enorme – spiegano i rappresentanti dell’associazione – è chiaro che il nuovo ospedale di Cona, dove il Sant’Anna si sta trasferendo, ha tutte le caratteristiche per rispondere a questo bisogno assoluto dei malati, non solo dell’Emilia e Romagna, ma di tutta Italia”.

“In questo polo di eccellenza ci si aspetta che al termine di sperimentazioni terapeutiche, si possa eseguire liberamente e normalmente anche l’angioplastica delle arterie delle gambe – prosegue la nota – l’obiettivo non può che essere una struttura, insomma, che prenda in carico completamente i malati”.

“Chiunque abbia fiducia e creda nella sanità pubblica non può sottrarsi di fronte a questa forse irripetibile occasione – conclude l’associazione – siamo fiduciosi che questo non avverrà, e che il direttore dell’agenzia sanitaria e sociale regionale dell’Emilia Romagna Roberto Grilli, il direttore generale dell’Ospedale S. Anna Gabriele Rinaldi e l’assessore alla Salute della Regione Emilia-Romagna Carlo Lucenti risponderanno pubblicamente prestissimo e in modo rassicurante a queste richieste dei malati”. (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *