Celebrati 50 anni gruppo Avis Cassana-Porotto-Mizzana-Fondoreno-Borgo Scoline

Nella giornata di ieri, domenica 15 maggio 2022, l’assessore comunale alle Politiche sociali Cristina Coletti ha partecipato all’iniziativa di celebrazione del “50° Anniversario di fondazione del Gruppo Frazionale Avis Cassana-Porotto-Mizzana-Fondoreno-Borgo Scoline”, che si è tenuta nella Piazzetta della Solidarietà in via Modena 386 a Cassana (Ferrara).

L’assessore ha espresso i ringraziamenti dell’Amministrazione comunale di Ferrara all’Avis Comunale, rappresentata dal presidente Sergio Mazzini e dal vicepresidente Andrea Tieghi, all’Avis Provinciale, rappresentata da Diego Monteleone, al capogruppo frazionale Silvano Mori e a tutti i volontari e donatori, per l’impegno e la generosità dimostrati in questi lunghi anni di attività dell’associazione sul territorio.

Tra i donatori benemeriti, Norma Valentina Zanetti è stata premiata con il distintivo oro diamante, per le sue 145 donazioni.

Questo l’intervento dell’assessore Coletti pubblicato sul volume che è stato realizzato per l’occasione:

“Cari donatori e care donatrici,
è con grande gioia che sono a rendervi i giusti onori per un traguardo così importante raggiunto dal Gruppo Frazionale Avis di Cassana – Porotto – Mizzana – Fondoreno – Borgo Scoline, che nel 2022 festeggia i 50 anni di attività.

Da Assessore con delega alle Politiche sociali della nostra Città, non posso non rilevare come sin dalla  sua fondazione questo punto associativo è stato un continuo crescendo che ha permesso di centrare una lunga serie di obiettivi, sia in ambito sociale che sanitario.

Innanzitutto perché donare sangue e plasma è un gesto fondamentale, spesso compiuto in silenzio ma che fa davvero la differenza e salva delle vite umane; e in tutto ciò il donatore diventa un vero e proprio patrimonio di tutta la comunità. Ma non va nemmeno banalizzato ciò che rappresentate per chi le frazioni le abita: un collante importante, un punto aggregativo in cui i cittadini vedono nascere e rinsaldare i rapporti.

Per i centri del forese le realtà associative sono imprescindibili, diventano l’orgoglio degli abitanti che in quei luoghi trovano una seconda casa. Ma è la cultura del dono che vi rende persone particolarmente speciali: donare fa stare bene e tiene unità la società nei momenti più complicati.

Fra l’Avis e l’Amministrazione è sempre più forte il sentimento di partecipare ad una missione comune, ovvero quella di essere sempre al fianco dei cittadini più bisognosi senza esitare chiedendosi chi reclama aiuto.

Il mio ringraziamento va a tutti i Presidenti, i membri del direttivo e a tutti i volontari del Gruppo Frazionale che si sono succeduti nel corso degli anni; a tutti i donatori che per quanto hanno dato sono stati dei veri eroi per tutti coloro che hanno ricevuto un aiuto fondamentale; a tutto il personale medico ed infermieristico.

L’augurio più grato e sincero che vi posso porgere è che questi siano solo i primi 50 anni di una storia ancora lunga da scrivere insieme. Grazie a tutti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.