A sette anni dal sisma del 29 maggio 2012

sisma 2012Alle 9 di mattina in punto, il 29 maggio 2012, la terra tornò a tremare in Emilia.

20 persone persero la vita, 7 invece morirono la notte tra il 19 e il 20 maggio.

Sono passati 7 anni da quei giorni terribili: l’economia e i territori colpiti dell’Emilia però si sono ripresi e a Cento, mercoledì, il ricordo del settimo anniversario del terremoto è stato affidato a un concreto gesto di fiducia verso il domani.

L’affidamento dei lavori di ripristino con miglioramento sismico delle scuole elementari ‘Pascoli’ a un’azienda di Roma. La cerimonia si è tenuta alla presenza, oltre che delle autorità civili e militari, dell’assessore regionale alla Ricostruzione, Palma Costi, e delle rappresentanze delle scuole del territorio comunale. Ha partecipato anche Lorenzo Malaguti, marito di Sandra Gherardi, vittima centese del sisma.

“Sette anni fa il terremoto ci ha cambiato la vita” – ha affermato il sindaco Fabrizio Toselli. “In quei momenti siamo stati molto uniti e abbiamo riscoperto l’autentico senso di appartenenza e dei valori condivisi, che mi auguro possiamo conservare” ha poi continuato il primo cittadino centese.

Un altro sindaco, ma di Terre del Reno, intanto è stato costretto a rinviare, causa maltempo, la fiaccolata prevista per mercoledì sera, un’iniziativa in ricordo di quei giorni terribili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *