Cento, fiamme gialle scoprono frode all’Iva da 5mln di euro nell’e-commerce

I finanzieri della Tenenza di Cento e i funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Ferrara, hanno scoperto un articolato sistema di frode all’IVA ideato da un imprenditore centese titolare di una società attiva nel settore della vendita via webdi fotocamere digitali.

Le indagini hanno consentito di individuare un girodi fatture false pari a circa 5 milioni di € e di quantificare in 1,5 milioni di € il profittoillecito derivante dal mancato versamento dell’IVA per il quale, al fine di garantire l’assolvimento dell’imposta, il Tribunale di Ferrara ha emesso, nei confronti delle società coinvolte e dei loro amministratori, un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente.

Gli illeciti ipotizzati vanno dall’emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti all’infedele ed omessa presentazione delle dichiarazion fiscalii. Su disposizione della Procura della Repubblica di Ferrara, i finanzieri e i funzionari doganali hanno eseguito diverse perquisizioni nei confronti dei soggetti indagati nelle province di Bologna, Ferrara e Rimini, sequestrando ulteriore documentazione utile all’indagine.

L’organizzatore della frode è un imprenditore di Cento che per essere competitivo sul mercato on line di fotocamere digitali, aveva creato una rete di società fittizie allo scopo di far acquistare ingenti quantità di prodotti elettronici dai fornitori comunitari (francesi, tedeschi e olandesi) e di farli vendere, con un giro di false fatture, sotto costo alla propria azienda. L’azione fraudolenta finalizzata alla compressione dei prezzi è stata realizzata grazie al mancato versamento dell’IVA dovuta sui vari passaggi commerciali fittiziamente documentati.

Le operazioni venivano contabilizzate nel seguente modo: la prima società “cartiera” creata ad hoc, riceveva le fatture dai fornitori comunitari senza applicazione dell’I.V.A. (in virtù del meccanismo del cd. Reverse charge, applicato per le cessioni all’interno di Stati dell’Unione Europea), procedeva poi ad emettere fattura, rivendendo il bene, questa volta con applicazione dell’iva (ma mai versata), a favore di una seconda società c.d. “filtro”, che a sua volta rivendeva alla società centese effettiva destinataria dei beni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *