Cento: “Patrimonio degli Studi” vuole sostenere altre iniziative

Il campanile di san Lorenzo

Con l’oneroso restauro del complesso monumentale di San Lorenzo non si esaurisce l’impegno del  “Patrimonio degli Studi” a favore del centro storico di Cento, così duramente colpito dal terremoto. Altre importanti iniziative, infatti, potrebbero concretizzarsi in breve tempo.

A conferma di ciò, Adriano Orlandini ha già comunicato al Sindaco di Cento la piena disponibilità della Fondazione da lui presieduta a:

1)      Permettere l’installazione temporanea nella piazzetta Lambertini di 8 negozi prefabbricati della superfice di 20 mq. ognuno.

2)      Mettere a disposizione della comunità centese l’intero complesso restaurato di S. Lorenzo come luogo per funzioni religiose e per la collocazione temporanea delle maggiori opere d’arte della Pinacoteca di Cento, della Chiesa del Rosario e di altre chiese del territorio, in modo che non si interrompa per molto tempo il turismo d’arte a Cento (in attesa che gli storici contenitori possano essere restaurati e restituiti alla fruizione degli appassionati d’arte).

3)       Rendere disponibile tutta l’area retrostante il Liceo per la rapida edificazione di due edifici scolastici che possano sopperire alla mancanza di tante scuole perdute a causa del terremoto.

Al “Patrimonio degli Studi” sono certi che la bontà delle proprie proposte sia tale da garantirne l’accettazione da parte del Comune. Nel frattempo molti commercianti del centro storico hanno già fatto richiesta per poter installare un negozio nella piazzetta S. Lorenzo. “Il Patrimonio Studi è particolarmente lieto” dice Orlandini ”di poter dare, in questo momento di estrema difficoltà, un aiuto alla comunità centese contro la desertificazione del centro storico e fa proprie le parole di ASCOM Confcommercio e di Confesercenti: far ripartire il centro storico di Cento è una priorità assoluta per ridare vita economica, sociale e culturale ad una città che aveva nella piazza e nel suo reticolo di vie storiche il cuore pulsante e la sua identità”.

La facciata della chiesa di san Lorenzo

(Comunicato e foto a cura del “Patrimonio degli studi” di Cento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *