Centrale unica 118 Bo-Fe: prima chiamata da Comacchio

lusenti

Al via da oggi la centrale unica del 118 di Bologna e Ferrara. “Per i cittadini, ha spiegato l’assessore regionale Carlo Lusenti, si tratta di un servizio sempre più capillare, efficiente e di elevata qualità assistenziale”.

Con la prima chiamata da Comacchio da martedì 28 gennaio è diventata operativa la centrale unica del 118 di Bologna e Ferrara. Ogni chiamata dai cittadini della provincia di Ferrara viene ora infatti ricevuta e smistata dagli operatori della centrale all’Ospedale Maggiore di Bologna.

Per i cittadini non cambia nulla: la centrale unica si occupa di prendere in carico le chiamate e attivare i mezzi di soccorso, che restano nel territorio della provincia di Ferrara e continuano a partire dalle postazioni dove sono stati dislocati finora.

“Grazie alle innovazioni tecnologiche introdotte in questi anni – sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute Carlo Lusenti – è stato possibile 118migliorare il lavoro degli operatori delle centrali e quindi il servizio per i cittadini, diventato sempre più capillare, efficiente, sicuro e di elevatissima qualità assistenziale”.Dopo quella unica della Romagna e quella appena attivata tra Bologna e Ferrara, prevediamo di proseguire con l’integrazione di Modena, entro quest’anno, e successivamente l’unificazione delle centrali di Piacenza, Parma e Reggio Emilia”, ha concluso Lusenti.

Dodici gli infermieri, finora in servizio nella centrale operativa dell’ex Sant’Anna di Ferrara, che adesso affiancano i colleghi di Bologna nella centrale operativa del Maggiore per organizzare gli interventi di soccorso nel territorio ferrarese. Mentre nella vecchia centrale del Sant’Anna si gestiscono ora i trasporti ordinari, da ospedale a ospedale.

Grazie all’evoluzione della tecnologia in dotazione alle centrali operative, oggi è possibile automatizzare quasi completamente il processo di ricezione e gestione delle chiamate, riducendo drasticamente gli errori e velocizzando le procedure di attivazione dei mezzi di soccorso. L’esperienza delle centrali operative a Roma, Milano, Torino ha dimostrato che le nuove strutture, come quella aperta all’Ospedale Maggiore di Bologna, sono in grado di operare efficacemente con popolazioni di riferimento tra i 2 e i 3 milioni di persone.

In provincia di Ferrara sono operative 4 automediche, 1’ambulanza medicalizzata, 7 ambulanze infermieristiche, più i mezzi gestiti da enti di volontariato in grado di effettuare interventi di primo soccorso. Le chiamate nel 2013 sono state 32.217, i codici rossi sono stati 10.515, pari al 32,6 per cento.

La centrale operativa del Maggiore gestisce inoltre l’elicottero della base di Bologna (756 interv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *