Centro Procreazione Medicalmente Assistita al Delta, progetto in dirittura d’arrivo

immagine archivio

Un centro di carattere regionale, con un’equipe di professionisti dedicata, dove verrà effettuata la procreazione medicalmente assistita di primo e secondo livello. È quello che verrà realizzato presso l’Ospedale del Delta di Lagosanto, al posto del Punto Nascita chiuso all’inizio di febbraio.

L’ufficializzazione risale allo scorso settembre, e ora il progetto è in dirittura d’arrivo.

“I vertici delle due aziende, Arcispedale S. Anna e Ausl di Ferrara, assieme alla Regione Emilia Romagna, stanno mettendo tutto l’impegno necessario per fare presto e bene” spiega la dottoressa Roberta Capucci, referente del Progetto per la Pma di II livello al Delta, e responsabile del Centro di I livello che dal 2008 è presente a Cona.

“Ad oggi per le coppie con problemi di infertilità questo è l’unico centro disponibile in provincia di Ferrara, ma per un 30% di quelle prese in carico (ben 160 solo nei 7 mesi di attività del 2016) il I livello non è sufficiente e, spiega ancora la Dottoressa Capucci, siamo costretti ad inviarle a strutture in cui si esegue la fertilizzazione in vitro di II livello”. Il più delle volte queste coppie si rivolgono ai vicini centri del Veneto, come Trecenta o Abano, anche perché nei centri pubblici della nostra regione, le liste d’attesa sono di circa un anno e mezzo. Tanto, troppo, per coppie che affrontano percorsi delicati e lunghi, in cui il tempo rappresenta una variabile importantissima. Basti pensare che oggi, nel pubblico, la Pma è consentita solo fino ai 43anni compiuti, e il più delle volte un ciclo di trattamento non è sufficiente. Con l’apertura del centro al Delta non solo non si dovranno più mandare  fuori provincia o fuori regione le coppie ferraresi, ma, ed è l’auspicio che i sostenitori del progetto fanno, si potranno anche intercettare utenti “esterni” aiutando a ridurre le liste di attesa a livello regionale.

“Il centro, precisa la Dottoressa Capucci, potrà prendere in carico le coppie con problemi di fertilità sia femminile che maschile, si eseguirà la Procreazione Medicalmente Assistita sia di I livello, quella che oggi si esegue a Cona e che si sposterà a Lagosanto, che di II livello, ovvero Icsi e Fivet”. Il tutto grazie ad un’equipe dedicata, che farà riferimento al Professor Panteleo Greco, direttore del Dipartimento Riproduzione e Accrescimento dell’Arcispedale S. Anna. Si tratterà di 3 biologi, 3 ostetriche e 3 medici, uno dei quali sarà proprio la Dottoressa Capucci che in questi mesi ha avviato una formazione specifica in strutture ad alta complessità, formazione che anche gli altri 2 medici coinvolti nel progetto stanno iniziando in questo periodo. A questi 9 professionisti si aggiungeranno consulenti esterni come andrologi e psicologi. Il centro poi impiegherà anche anestesisti e infermieri dell’ospedale del Delta, e sono previsti 4 posti letto per la degenza in Day Hospital. Inizialmente si eseguirà solo la procreazione in vitro omologa, “siamo fiduciosi però, conclude la referente del Progetto, che in futuro si possa arrivare anche quella eterologa”.

Una speranza alimentata anche dall’impegno che la Regione sta mettendo proprio sul fronte dell’eterologa, con campagne di sensibilizzazione alla donazione di gameti femminili e maschili. Stando agli ultimi dati resi noti, relativi al 2015 e al primo semestre del 2016, in regione ci sarebbero già più di 700 coppie in attesa per la fecondazione in vitro eterologa che oggi si esegue solo in 3 dei 6 centri che eseguono la Pma di II livello in Emilia Romagna. La campagna del Servizio sanitario regionale spiega chi può donare, come diventare donatore o donatrice, e ribadisce come la donazione dei gameti sia gratuita e anonima. Tutti gli accertamenti, le visite e gli esami a cui saranno sottoposti i donatori sono gratuiti. Se dipendente, chi dona avrà diritto a permessi retribuiti: si applicano per analogia le disposizioni sulla donazione del sangue e del midollo osseo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *