Centro Storico, la Giunta illustra il restyling della legislatura – INTERVISTE

programma_area_1La giunta ha illustrato tutti gli interventi realizzati grazie al Piano Speciale d’Area, lo strumento urbanistico che mettendo insieme risorse pubbliche e private ha permesso la riqualificazione del centro storico negli ultimi sei anni.

C’è anche un po’ di emozione da parte degli amministratori nel raccontare tutti gli interventi realizzati nel centro storico di Ferrara in occasione dell’illustrazione del piano d’area tenuta oggi nella sala Arazzi del Comune. Diciassette milioni di euro che vanno dalla ristrutturazione del Palazzo Ducale, al Baluardo delle Mura Estensi. Da Galleria Matteotti a Cortevecchia e Casa Minerbi e così via. Opere illustrate dal sindaco Tiziano Tagliani e dagli assessori Aldo Modonesi e Roberta Fusari con il sottosegretario alla presidenza della regione Emilia-Romagna, Alfredo Bertelli.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/programma_area.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/01-programma-area_20140404175727.mp4[/flv]

Una serie di interventi realizzati dalla fine della scorsa legislatura con uno strumento urbanistico che negli anni ha messo insieme risorse pubbliche e private, circa 17milioni di euro, molti dei quali arrivati dalla Regione, per riqualificare il centro storico . Opere, sottolinea il sindaco Tiziano Tagliani, che non sono state solo delle asfaltature o dei semplici interventi edilizi, ma anche qualcosa di più: le ristrutturazioni infatti sono serviti e serviranno per creare in città luoghi di fruizione per i cittadini, teine a precisare il sindaco.

Il restauro di palazzo Ducale e i lavori di piazza Trento e Trieste hanno portato alla luce molti elementi della storia ferrarese che saranno al centro di due mostre organizzate in città da domenica 6 al 13 luglio. La prima riguarda l’evoluzione di Palazzo Ducale e sarà allestita proprio dove oggi c’è la sede del Comune, la seconda invece è stata allestita al Museo Archeologico nazionale ed è una mostra realizzata con i reperti trovati nella vasca dei rifiuti che fu allestita proprio nel Quattrocento a ridosso del monumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *