Certosa diventa museo a cielo aperto ed è visitabile in cento minuti – VIDEO

Una mappa dettagliata dei percorsi di visita a uno dei monumenti più importanti del capoluogo estense, con cartelli che aiutano la comprensione dei luoghi.

Sono quelli installati in Certosa a Ferrara.


Sta diventando una parte della città sempre più visitata, e ora è un “museo a cielo aperto”.

Siamo in Certosa e nella chiesa di San Cristoforo, al centro dei lavori di restauro e ristrutturazione post-sisma. Nell’ambito del progetto di valorizzazione del patrimonio storico-artistico del Cimitero monumentale della Certosa di Ferrara, è stata presentata la prima fase di azioni messe in campo che consiste nella realizzazione di una mappa dettagliata dei percorsi di visita.

certosa visitare“L’entrata nel circuito internazionale dei cimiteri monumentali ci darà più visibilità, nuovi strumenti e sinergie importanti dal punto di vista turistico, culturale e organizzativo” ha poi continuato Paramucchi.

La Fase 1 quindi è già realizzata, ma potrà aprirsi ad interventi successivi.

Composto da 47 punti di interesse e proposto in lingua italiana e inglese, l’itinerario ha la durata complessiva di un’ora e mezza circa ed è suddiviso in tre percorsi tematici: Storie di Ferrara, dedicato alle personalità estensi. Le sette arti, all’interno del quale sono inseriti artisti (pittori, architetti, registi cinematografici) di fama internazionale, e, infine, La sacra bellezza, ovvero una panoramica di sepolture preziose e altri elementi rilevanti di iconografia religiosa.

Disponibile anche il sito web www.certosadiferrara.it e l’App Artour in realtà aumentata, gratuita e scaricabile per dispositivi IOS e Android, che raccoglie le guide dei principali cimiteri storici e monumentali europei, e che permetterà di accedere all’itinerario della Certosa di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *