CGIL: nel 2012 allarme recessione

Il 2012 sarà un anno pesantemente negativo per l’economia ferrarese, e quindi per l’occupazione: i segnali ci sono già. Aumentano le ore autorizzate di cassa integrazione, aumentano le pratiche di disoccupazione, diminuisce la produzione di valore aggiunto, cioè il PIL provinciale.

Questo è il ritratto diffuso dalla CGIL ferrarese in conferenza stampa: dopo i segnali di miglioramento registrati a cavallo tra 2010 e 2011, l’economia del territorio pare ripiombata in una fase di recessione.

“Se guardiamo i dati dell’osservatorio sull’economia della camera di commercio di Ferrara – spiega il segretario provinciale Giuliano Guietti – vediamo che nel 2012 si prevede una perdita di PIL provinciale dell’1,5%, e un calo delle esportazioni del 4,4%. Stime molto peggiori di quelle formulate solo qualche mese fa”.

Della recessione fanno le spese principalmente le piccole aziende, nel settore produttivo, ma anche in quello del commercio, dove le piccole superfici commerciali sono le più penalizzate dalla riduzione dei consumi.

Tutto questo, inevitabilmente, si riflette sull’occupazione: torna a salire la richiesta di casa integrazione. Tra gennaio e febbraio 2012 sono state autorizzate più di un milione di ore di cassa integrazione; nell’ultimo trimestre 2011 3 milioni e 268 mila. Il picco precedente, quanto a cassa integrazione, risale alla metà del 2010. Intanto aumentano le pratiche di disoccupazione ordinaria: la CGIL ne ha trattate 681 nei primi tre mesi del 2011, 981 nel primo trimestre 2012.

“Sono necessari interventi concreti per cambiare direzione – conclude Giuliano Guietti – da parte delle istituzioni locali, con cui vogliamo aprire un tavolo di confronto, ma anche e soprattutto del governo. Altrimenti rischiamo che il 2012 ci riporti al centro della crisi”.

[flv image=”https://www.telestense.it/wp-content/uploads/2012/04/04cgil-crisi-300×119.jpg”]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120412_04.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *