Chiesa S.Maria Consolazione inagibile aprirà i battenti nove anni dopo il sisma

santa-maria-consolazione-16set2019_5E’ chiusa dal maggio del 2012, la chiesa di Santa Maria della Consolazione in via Mortara a Ferrara, tra i luoghi di culto più feriti dalle scosse e inagibile dopo il terremoto di oltre sette anni fa.

E’ un edificio monumentale di grande pregio, attribuito a Biagio Rossetti e realizzato a partire dai primi anni del ‘500.

Oggi il sopralluogo nel cantiere che porterà alla riapertura della chiesa. Non saranno solo interventi di ristrutturazione post sisma quelli che nei prossimi mesi interesseranno Santa Maria della Consolazione , quanto piuttosto un’ampia e complessa opera di miglioramento strutturale e di restauro che ne consentirà la riapertura al pubblico e al culto.

I lavori, consegnati dal Comune alla ditta esecutrice il 3 settembre scorso e che costeranno quasi due milioni e 200 mila euro, dovrebbero durare fino alla primavera del 2021. Per l’assessore comunale ai Lavori pubblici Andrea Maggi, “è una chiesa poco conosciuta anche dai ferraresi e che merita sicuramente la riapertura sia come luogo di culto sia per la sua rilevanza architettonica e artistica” ha poi concluso Maggi.

La Chiesa di Santa Maria della Consolazione, considerata una delle ultime opere di Biagio Rossetti, fu voluta da Ercole I d’Este.

santa-maria-consolazione-16set2019_1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *