Claudio Corazza e l’amore per la materassina

Sbocciato quando il maestro centese aveva dodici anni

“Cerco di insegnare il Ju Jitsu nella maniera in cui mi hanno trasmesso questa meravigliosa disciplina, conoscendo i miei Allievi uno ad uno…. attraverso le loro debolezze ed i loro pregi. Per me è essenziale frequentarli anche fuori dal tatami, mirando sempre ad un obiettivo, uno scopo: è fondamentale dare sempre il massimo per raggiungere tutto ciò, che sia un podio o magari altro nella vita di tutti i giorni”. Claudio Corazza e la materassina: un amore sbocciato all’età di 12 anni. Classe 1966, nato a Cento e residente a San Giovanni del Dosso (Mantova), Maestro 7°DAN ed Allievo del Maestro e fondatore del CSR JU JITSU ITALIA Silvano Piero Rovigatti: “Fin da subito rimasi stupito della sua eleganza, della velocità dei movimenti e – soprattutto – dalla bravura degli Allievi che si esibivano”, incalza Claudio Corazza. Una carriera, la sua, di assoluto prestigio. “Nel 1987 diedi l’esame di Cintura Nera. Nel 1990, l’impegno e i tanti sacrifici furono ricompensati: entrai a far parte della squadra nazionale e ne divenni orgogliosamente il Capitano. Nel 1992 a Waldorf – in Germania – conquistai un terzo posto ai Campionati Europei nella categoria Duo System maschile in coppia con Gianni Lenzi ed un terzo posto nella categoria Duo System Mix in coppia con Stefania Vassalli”. Nel 1996 l’abbandono delle gare per iniziare la carriera da Maestro: “Senza smettere l’attività di Allievo, frequentando ed allenandomi presso la scuola di Rovigatti che mi diede sempre l’opportunità di seguirlo ovunque, aumentando così il mio bagaglio tecnico…. facendomi confrontare con Atleti e Maestri di altre discipline. Fu allora che mi resi veramente conto della grandezza tecnica ed umana del Maestro e della sua scuola”. “Dopo più di 40 anni di attività”, conclude Claudio Corazza, “insegno a Mirandola con l’obiettivo di formare nuovi Istruttori, Agonisti, Arbitri…. cercando di aprire nuovi corsi in più posti”. Enrico Ferranti. Nella foto, da sinistra a destra: i Maestri Corazza e Rovigatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *