Clima, Coldiretti: “Po in secca come d’estate”

Il fiume Po è in secca come d’estate ma anomalie si vedono anche nei grandi laghi.

E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti dal quale si evidenzia che il livello idrometrico del fiume Po al Ponte della Becca è sceso a -3 metri, più basso che a Ferragosto ed è rappresentativo della situazione di sofferenza in cui versano tutti i principali corsi d’acqua al nord.

Come sottolinea Coldiretti, sarebbero gli effetti dell’assenza di precipitazioni invernali significative al nord dove in molte zone non piove da due mesi.

A preoccupare è anche lo scarso potenziale idrico stoccato sotto forma di neve nell’arco alpino ed appenninico ed il cui valore, soprattutto nella parte lombarda e piemontese, registrerebbe per Coldiretti un -58%.

Una situazione che metterebbe a rischio le coltivazioni che avranno bisogno di acqua per crescere al risveglio vegetativo favorito da un inverno mite.

La siccità – rileva la Coldiretti – è diventata la calamità più rilevante per l’agricoltura italiana con danni stimati in media in un miliardo di euro all’anno soprattutto per le quantità e la qualità dei raccolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.