Cna: credito alle imprese

Le risorse che la Banca centrale europea ha destinato alle banche devono essere riversate sul sistema delle imprese. E’ fondamentale se si vuole che le aziende che costituiscono il perno dell’economia del Paese superino la fase di stagnazione che stanno attraversando. E’ questo l’appello lanciato dal direttore provinciale della CNA ferrarese Corradino Merli.

La Bce ha concessa alle banche europee 530 miliardi di euro a asso agevolato, di cui 139 se li sono aggiudicati le banche italiane. Un’operazione simile era stata fatta a dicembre, ma in quella occasione una piccolissima parte di quelle risorse era stata destinata al credito alle imprese. Ora, dice Merli, è necessario seguire una strada differente.

Le imprese continuano infatti a lamentare una scarsa disponibilità delle banche a erogare credito: il 70% degli imprenditori intervistati da CNA sull’argomento avevano lamentato, a fine 2011, un peggioramento del rapporto con le banche e della disponibilità degli istituti di credito a concedere finanziamenti.

Intanto, associazioni imprenditoriali e banche hanno firmato un accordo che prevede la possibilità di dilazionare i debiti delle imprese verso le banche senza aumenti nei tassi di interesse. Un accordo importante, dice CNA, a cui speriamo aderiscano anche le banche ferraresi.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120302_07.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *