CNA: finanza locale virtuosa

07 cna

I comuni della Provincia di Ferrara, tra il 2006 e il 2011, hanno registrato performance tra le peggiori della regione Emilia Romagna. Lo afferma una ricerca effettuata dall’ufficio studi della CNA emiliano romagnola.

Lo studio – e questo è sicuramente un limite – non permette di scorporare i dati relativi a ciascuno dei 26 comuni della nostra provincia. Giunge tuttavia a una conclusione: tra il 2006 e il 2011 i comuni ferraresi avevano livelli di indebitamento troppo elevati anche se in progressivo calo, scarsa propensione a effettuare investimenti, spese correnti superiori alle entrate.

Da questo punto di vista si piazzavano nella parte bassa della classifica della virtuosità regionale, vicini ai comuni del riminese e del parmense, lontano dai comuni della provincia di Bologna.

La ricerca presentata dall’ufficio studi di CNA si ferma al 2011 e da allora ad oggi, bisogna dire, molte cose sono cambiate: i comuni sono stati costretti dalle politiche di rigore a tagli di bilancio sempre più pesanti, gli equilibri della finanza locale sono stati sconvolti ovunque. La ricerca di CNA testimonia comunque di una certa debolezza economica del nostro territorio: negli ultimi anni i comuni del ferrarese si sono trovati alle prese con la necessità di ridurre l’eccessivo indebitamento e questo li ha costretti a ridurre gli investimenti e a tenere d’occhio la spesa: probabilmente è da qui che nascono le loro performance negative.

Intanto, li imprenditori temono futuri inasprimenti delle imposte locali: ridurre le tasse su lavoro e impresa, rendere gli enti pubblici più efficienti, queste sono le priorità per gli imprenditori di CNA.

%CODE%

Un pensiero su “CNA: finanza locale virtuosa

  • 08/05/2013 in 18:32
    Permalink

    Detta cosi sembrerebbe che siamo proprio i peggiori della regione ( anche se un po si sa che la provincia di ferrara e’ il fanalino di coda della regione)

    sarebbe bello partecipare ad una conferenza dei sindaci, che parlano delle loro problematiche locali, e vedere quanto le problematiche sono simili… e come vengono affrontate….

    in poche parole fare un’analisi aziendale.. per ottimizzare i servizi…. come si fa in una normale azienda senza nascondersi dietro alla Parola dipendente comunale…….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *