Il Prefetto ha ricevuto il nuovo Comandante del COA di Poggio

prefetto coaIl Prefetto Michele Campanaro ha ricevuto oggi a Palazzo Giulio d’Este il nuovo Comandante del Comando Operazioni Aeree (COA) di Poggio Renatico, Gen. D.A. Claudio Gabellini, accompagnato dal Comandante uscente, Gen. D.A. Antonio Conserva.

Al Generale Conserva il Prefetto Campanaro ha rivolto sincere parole di ringraziamento per l’impegno e l’alta professionalità dimostrati negli anni di servizio a Ferrara, insieme con i migliori auguri per il nuovo prestigioso incarico presso lo Stato Maggiore della Difesa a Roma, come Capo Ufficio Generale per la Pianificazione e Programmazione Bilancio.

L’incontro con il Generale Gabellini, proveniente dal Comando Nato Aircom di Ramstein in Germania, oltre alle tradizionali espressioni augurali, ha costituito l’occasione per un primo scambio di conoscenze, utile a gettare le basi per una rinnovata, profonda collaborazione istituzionale, anche in relazione ai molteplici e sempre più radicati rapporti che legano il capoluogo al personale dell’Aeronautica Militare di stanza nelle basi operativa e logistica di Poggio Renatico e Ferrara, strutture di rilevanza fondamentale per la sicurezza dello spazio aereo nazionale ed europeo.

“Nel formulare al Generale Gabellini un caloroso benvenuto nel nostro territorio ed i migliori auguri di buon lavoro, desidero esprimere il mio più vivo compiacimento per il lavoro svolto dal Comando Operazioni Aeree (COA) di Poggio Renatico, la cui presenza in questa provincia è connotata da storici e profondi legami di vicinanza con la popolazione locale”, ha sottolineato il Prefetto nel corso dell’incontro. “Ritengo fondamentale – ha proseguito il Rappresentante del Governo – il ruolo del Aeronautica Militare, cui la comunità ferrarese e la Nazione tutta sono profondamente grate per lo sforzo profuso quotidianamente, non solo nell’azione di difesa dello spazio aereo nazionale, anche nel più ampio contesto operativo che fa capo all’Alleanza atlantica, ma anche nell’insostituibile funzione di supporto alle attività di soccorso alla popolazione al verificarsi di calamità naturali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *