Codigoro, sindaca Pd: “Tasse più alte a chi ospita profughi” – INTERVISTA

E’ la provocazione del sindaco di Codigoro, Alice Zanardi, che lunedì farà comunque partire i primi controlli sulle abitazioni private al cui interno vivono profughi arrivati con i barconi.

La quota comune del 2,5per mille è oltrepassata -spiega il primo cittadino in quota Pd- siamo al 10per mille. Attuerò tutti i controlli che sono in mio potere per bloccare l’arrivo di altri profughi ribadisce il primo cittadino di Codigoro

 

Agenti di polizia municipale, tecnici dell’ufficio comunale e personale dell’azienda Usl. Partiranno da lunedì 7 agosto, a Codigoro, i controlli nelle abitazioni dei privati che stanno ospitando i migranti. La decisione è stata presa dal sindaco Alice Zanardi e comunicata sulla pagina facebook del Comune di Codigoro

I migranti, un centinaio e per la maggior parte uomini, sono ospitati in strutture private, case famiglia ed appartamenti messi a disposizione dai privati. A Codigoro non si registrano gravi situazioni sociali o di degrado ma la convivenza, a volte, è difficile

I controlli, che inizieranno lunedì mattina, partiranno dalle verifiche sull’abitalibilità, capienza e il rispetto delle norme igienico sanitarie delle strutture. Il sindaco di Codigoro sta valutando la possibilità di alzare le tasse per i privati che ospitano i migranti

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *